cerca CERCA
Lunedì 08 Marzo 2021
Aggiornato: 19:19
Temi caldi

LIVE

Next Generation Eu

Recovery, Conte a sindacati: "Confronto tardivo per vicende interne"

22 gennaio 2021 | 12.02
LETTURA: 3 minuti

Sul tavolo dell'incontro, il 'piano nazionale di ripresa e resilienza' che il governo ha messo a punto per utilizzare le risorse del Recovery fund e del Next generation Eu: "Piano migliorato, confronto sia intenso"

alternate text
Fotogramma
(Adnkronos)

Incontro oggi, in videoconferenza, tra il premier Giuseppe Conte e i leader di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Pierpaolo Bombardieri. Sul tavolo che i sindacati chiedevano da tempo, il 'piano nazionale di ripresa e resilienza' che il governo ha messo a punto per utilizzare le risorse del Recovery fund e del Next generation Eu. Al round partecipa anche il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri. Probabilmente l'attenzione si concentrerà anche sul nuovo dl Ristori in arrivo che prorogherà dal 31 marzo prossimo, la Cig per Covid in maniera differenziata e i nuovi interventi a sostegno dell'economia. Presenti anche il ministro del Sud Giuseppe Provenzano e il sottosegretario al Lavoro, Francesca Puglisi. All'incontro partecipano inoltre il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo ed il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli. "Vi vedo con grande piacere", avrebbe esordito il premier Conte rivolto ai sindacati prendendo la parola in avvio di incontro e aggiungendo: “Grazie per il contributo che avete dato al paese in questi mesi difficili rinunciando anche alla vostre legittime rivendicazioni".

“Oggi - ha spiegato il premier - inizia il confronto con le parti sociali. Un confronto che vogliamo intenso e costruttivo. Abbiamo una versione aggiornata, oggettivamente migliorata, del Piano. Questo Piano deve servirci a liberare il potenziale di crescita dell’economia, a dare impulso alla produttività e all’occupazione. E lo dobbiamo fare aumentando la capacità del nostro Paese di affrontare queste sfide e le trasformazioni in atto che riguardano anche le modalità organizzative del mondo del lavoro, rafforzando al contempo anche la coesione sociale”.

“Secondo le prime valutazioni effettuate dal Mef, gli investimenti, gli incentivi e le riforme contenute nel Piano avranno un impatto che nel 2026, l’anno finale del Piano, dovrebbe tradursi in una crescita di 3 punti percentuali più alta rispetto allo scenario a politiche invariate. Ma a noi non interessa solo il Pil. A noi interessa, direi ancor più, che il Piano avrà un impatto positivo anche su tutti gli indicatori di benessere e di sviluppo sostenibile, grazie agli investimenti attivati direttamente e indirettamente, e alle innovazioni tecnologiche introdotte”, avrebbe aggiunto. Il contributo delle sigle sindacali al Recovery plan sarà “valorizzato, perché questo passaggio che faremo con voi ci spingerà a modificare ulteriormente, per quanto necessario e opportuno, questo progetto”, avrebbe detto ancora Conte secondo le fonti.

Quello con i sindacati, avrebbe detto il premier secondo quanto si apprende, è un "confronto purtroppo che arriva più tardi rispetto ai tempi programmati. Avremmo dovuto incontrarci prima. I tempi su questo lavoro si sono allungati. Da ultimo, come sapete, c'è stata anche una vicenda interna alle forze di maggioranza, una modalità di confronto che ci ha rallentato. Ma bisogna sempre guardare il lato buono: in ogni caso pur in una dialettica vivace abbiamo dovuto rallentare i tempi ma abbiamo anche trovato il modo per un confronto effettivo che ha dato la possibilità alle forze di maggioranza di offrire indicazioni preziose, e arrivare ad una versione aggiornata, migliore".

"Serve un confronto operativo e serrato per rispettare rigorosamente i tempi per la finalizzazione degli interventi e l’attuazione concreta del piano", le parole del ministro Roberto Gualtieri nel corso dell'incontro secondo fondi sindacali, con la volontà del governo di un confronto continuativo sul Recovery plan.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza