cerca CERCA
Mercoledì 25 Maggio 2022
Aggiornato: 06:04
Temi caldi

Referendum Scozia, indipendenza sì o no? le posizioni dei Vip: da Jagger alla Westwood

16 settembre 2014 | 18.40
LETTURA: 3 minuti

Contrari alla separazione da Londra Paul McCartney e Mick Jagger e star di Hollywood come Helena Bonham-Carter, Michael Douglas e Judi Dench. Per il distacco invece Sean Connery, Ken Loach, Russel Brand, Irvine Welsh, Vivienne Westwood e Peter Mullan

alternate text

A meno di 48 ore dal referendum scozzese ormai tutti hanno detto la loro sull'indipendenza. Cosa pensano le celebrities? Ecco una carrellata dei sì, dei no e degli astenuti dal mondo dello spettacolo.

Il fronte di coloro che vogliono che la Scozia resti parte del Regno Unito può vantare celebrità del calibro di . Contraria all'indipendenza anche la creatrice del maghetto più famoso del mondo, Harry Potter. JK Rowling, britannica che da 21 anni vive ad Edimburgo, è stata una delle più accanite sostenitrici del 'no', donando un milione di sterline (oltre un un milione e 250mila euro) al movimento unionista 'Better Together'.

Un 'comico' no arriva dall'attore di 'Austin Powers', Mike Myers, che alla domanda sull'indipendenza ha risposto con la voce dell'orco Shrek: "Shrek vuole ciò che vogliono gli scozzesi. Amo la Scozia, spero che rimanga parte del Regno Unito, ma se così non sarà, la amerò lo stesso". Anche David Bowie è contrario al divorzio dal Regno Unito: "Scozia, rimani con noi", ha scritto in un messaggio letto poi pubblicamente dalla modella Kate Moss. E a sostegno del fronte del 'no' è sceso anche il calciatore David Beckham.

Grandi nomi però, anche sul fronte del sì: "Credo che l'opportunità dell'indipendenza sia troppo bella per farsela scappare", ha fatto sapere Sean Connery, l'attore di James Bond, da lungo tempo sostenitore della secessione scozzese, mentre il regista britannico Ken Loach ha esortato la Scozia a 'liberarsi'.

Tra gli indipendentisti anche il comico inglese Russel Brand: "Non ho mai votato, ma se fossi stato scozzese, avrei votato sì", ha scritto sul suo account Twitter qualche giorno fa. Favorevoli al distacco da Londra anche l'autore scozzese di Trainspotting Irvine Welsh, la stilista inglese Vivienne Westwood, che ha fatto sfilare le sue modelle con la spilla "Yes", e il regista-attore scozzese Peter Mullan.

Oltre al fronte del sì e del no c'è anche un terzo fronte: quello degli astenuti che hanno rifiutato di esprimere la loro posizione temendo la ripercussione sulla loro carriera. Tra questi ci sono l'attore di X-Men, James McAvoy, e il tennista Andy Murray.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza