cerca CERCA
Giovedì 04 Marzo 2021
Aggiornato: 20:52
Temi caldi

Referendum su trivelle, Greenpeace: "Il no all'election day costa agli italiani 400 milioni"

17 febbraio 2016 | 09.22
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Manifestanti di Greenpeace , Wwf, Marevivo e Legambiente durante la protesta a Montecitorio (FOTOGRAMMA) - (FOTOGRAMMA)
Roma, 17 feb. - (AdnKronos)

Lo spreco di risorse pubbliche, che sarebbe stato possibile risparmiare con l'Election Day, "coincide con una sottrazione di democrazia ingiustificabile. La durata della campagna elettorale risulta compressa al limite della legge: è possibile, ad esempio, che non vi siano i tempi tecnici per garantire almeno i 45 giorni previsti dalla legge sulla par condicio". Così Greenpeace sul referendum popolare sulle trivelle indetto per il 17 aprile con la firma del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, relativo al decreto sulle norme in materia ambientale.

Per Greenpeace, questa scelta costerà agli italiani " tra i 350 e i 400 milioni di euro di soldi pubblici".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza