cerca CERCA
Lunedì 14 Giugno 2021
Aggiornato: 13:51
Temi caldi

Regionali, Salvini. ''Zaia non si tocca''

16 febbraio 2015 | 18.26
LETTURA: 2 minuti

Il segretario della Lega in vista della sfida elettorale in Veneto: ''Con Tosi troverà un accordo''. Al fianco del benzinaio Stacchio: ''Ha solo difeso la vita di di una donna''

alternate text
Salvini con Stacchio (foto Adnkronos)

"Se c'è chi pensa di candidare in Veneto qualcuno che non sia Luca Zaia io non l'accetto. Per quanto mi riguarda Zaia non si tocca". Lo mette in chiaro il segretario della Lega Matteo Salvini a conclusione dell'incontro con Luca Zaia e Flavio Tosi in vista delle prossime elezioni regionali in Veneto. I due 'contendenti' invece all'uscita dall'Alfa Hotel non hanno voluto dire nulla.

"L'accordo lo trovano, è una discussione tra veneti e io non ci metto becco'', dice Salvini che in mattinata ha fatto visita al benzinaio Stacchio. ''Se non lo faranno ci metterò una mano io, è mio dovere garantire ai veneti altri cinque anni di buon governo con Luca Zaia. Zaia ha riportato i conti sanitari a posto, ha investito 300 milioni di euro contro il disastro idrogeologico, c'è tanta buona amministrazione da continuare''. Ma soprattutto, spiega, ''chiunque mette in difficoltà e in discussione Zaia aiuta la sinistra. E l'ultima delle cose che da segretario della Lega permetterò sarà che qualcuno metta in difficoltà il mio miglior governatore. Ma io non vedo grossi problemi. Penso non ci sia nessuno di 'normale' in Veneto, anche al di fuori della Lega, che preferisca che vinca la sinistra anziché Zaia".

Salvini nega che ci sia un problema personale con il sindaco di Verona. "Io non ho problemi con nessuno, ho sostenuto Tosi nella sua battaglia per diventare sindaco a Verona. Semplicemente in questo momento la mia priorità è vincere in Veneto con Luca Zaia. Mi sembra che litigare per una lista o un assessorato sia l'ultima cosa da fare".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza