cerca CERCA
Mercoledì 27 Ottobre 2021
Aggiornato: 17:26
Temi caldi

Agricoltura: Basilicata, attivato piano di abbattimento dei cinghiali

02 luglio 2014 | 11.49
LETTURA: 2 minuti

Prevede l'impiego di selecontrollori, cacciatori appositamente formati, che presidieranno il territorio e, dalla postazione loro assegnata, abbatteranno i capi che transiteranno nel loro raggio d'azione, non più di tre per turno. Questa attività durerà dal primo agosto al 29 settembre prossimo

alternate text

La Regione Basilicata ed i Parchi lucani hanno messo a punto un piano coordinato per risolvere i problemi che i cinghiali, in numero eccessivo, provocano soprattutto all'agricoltura con le loro incursioni nei campi coltivati e nelle proprieta' terriere. Il coordinamento e' a cura dell'assessore regionale all'Ambiente, Aldo Berlinguer, che ieri ha incontrato prima i responsabili del Corpo forestale dello Stato e della Polizia provinciale e in seguito si e' confrontato con gli esponenti degli enti Parco.

E' emerso nel corso degli incontri che gli ungulati costituiscono ''una presenza sempre piu' preoccupante in Basilicata'' perche' ''con sempre maggiore invadenza si spingono fino alle propaggini dei centri abitati, arrivando ai cortili di casa'', costituendo cosi' ''non piu' solo un danno per gli agricoltori ma anche un rischio per i cittadini''.

Il piano di intervento prevede l'impiego di selecontrollori (cacciatori appositamente formati) che presidieranno il territorio e, dalla postazione loro assegnata, abbatteranno i capi che transiteranno nel loro raggio d'azione, non piu' di tre per turno. Questa attivita' durera' dal primo agosto al 29 settembre prossimo.

''I selecontrollori - dice Berlinguer - sono un vero e proprio presidio del territorio. Grazie a loro non solo si potra' arginare il pericolo costituito dai cinghiali ma si potra' anche avere un quadro piu' chiaro della situazione e un occhio in piu' contro l'attivita' dei bracconieri''. Con i Parchi si e' parlato soprattutto degli adempimenti che questi enti devono produrre e che in alcuni casi, per questioni formali, si sono bloccati. A meta' luglio si terra' una riunione con gli Ambiti territoriali di caccia. Poi, un incontro con i selecontrollori.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza