cerca CERCA
Venerdì 18 Giugno 2021
Aggiornato: 20:09
Temi caldi

Fondi Ue: Regione Veneto, primi per capacità impiego in agricoltura

13 agosto 2015 | 12.00
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Foto Infophoto - INFOPHOTO

Il Veneto guida la classifica delle regioni italiane relativa alla capacità di utilizzo dei fondi agricoli europei per lo sviluppo rurale (Feasr). Secondo l’ultimo report mensile diffuso dalla Commissione europea attraverso la Rete Rurale Nazionale, come riferisce la Regione, il Veneto ha già impiegato quasi il 97% della dotazione finanziaria complessiva, che ammonta a 1.042.158.575 euro, riferita alla programmazione 2007/2013.

“I dati diffusi dalla Commissione - commenta con soddisfazione l’assessore all’Agricoltura, Giuseppe Pan - dimostrano ancora una volta l’effettiva capacità del Veneto di impegnare i fondi europei destinati allo sviluppo rurale, consentendo alle aziende di beneficiare di flussi finanziari reali che immettono liquidità nel sistema economico regionale del settore primario".

"Il Veneto attualmente - ricorda - ha un residuo di meno di 17 milioni di euro da spendere entro il 31 dicembre, circa il 3% della dotazione complessiva, e i bandi sono già stati avviati. Non so come faranno quelle Regioni che registrano ancora centinaia di milioni da impiegare entro fine anno".

"Temo che il risultato finale - avverte - sarà la restituzione all’Unione europea di quasi 750 milioni di euro. Un vero peccato per il nostro Paese, perché significa rinunciare a una fonte importante e consistente di finanziamento pubblico per la competitività del ‘made in Italy’ nel primario”.

I dati aggiornati al 31 luglio 2015 evidenziano che, dal 2007 ad oggi, in Veneto sono già stati erogati 1.004.028.428 euro in favore delle aziende agricole che hanno partecipato ai bandi di attuazione del Programma di sviluppo rurale (Psr), predisposti dalla Regione, riducendo a poco più del 3% (la percentuale più bassa a livello nazionale) il valore delle spese che rimangono da liquidare entro fine anno per evitarne il disimpegno automatico e il conseguente ritorno nelle casse dell’Unione europea.

Al contrario di altre regioni italiane, il Veneto non corre quindi il rischio del disimpegno, assicura la Regione, in quanto il 3% delle spese che rimangono da liquidare risulta già impegnato e sarà erogato entro la fine dell’anno alle aziende agricole, in base alle domande che sono già state presentate e che sono quindi in fase istruttoria per il pagamento dei contributi richiesti.

Attraverso i fondi del Psr, la Regione è impegnata a sostenere la crescita e lo sviluppo delle imprese agricole del Veneto, favorendone processi di innovazione finalizzati al recupero di competitività sul mercato.

“Grazie ad Avepa, l’agenzia per i pagamenti in agricoltura, e alla semplificazione delle procedure amministrative (presentazione delle domande, istruttorie, pagamenti e controlli), che consente una significativa riduzione dei tempi di erogazione dei contributi, il Veneto sta dando prova del migliore utilizzo dei fondi disponibili", sottolinea Pan.

"Solo così - conclude l’assessore - si può veramente essere vicini agli agricoltori e rispondere alle loro esigenze di fare impresa ed essere competitivi all’interno di un sistema che crea fiducia e mette quindi nelle condizioni di investire per il futuro dell’azienda e del territorio, nonostante le difficoltà legate alla congiuntura economica e ai danni provocati dai fenomeni atmosferici”, conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza