cerca CERCA
Venerdì 22 Gennaio 2021
Aggiornato: 08:31

Italia Viva

Recovery, Renzi: "Approviamolo ma Conte corra, basta perdere tempo"

11 gennaio 2021 | 08.56
LETTURA: 3 minuti

Il leader di Italia Viva torna sul pericolo crisi dell'esecutivo: "Cambio di governo? Mi interessa zero. A me non importa nulla delle poltrone, ma che non si buttino i soldi"

alternate text
Fotogramma
(Adnkronos)

"A me del cambio di governo interessa zero, il problema non è come si cambia il governo ma come si affronta la pandemia. A me non importa nulla delle poltrone, ma che non si buttino i soldi" in arrivo dall'Europa. "Quindi o li spendiamo bene o spendeteli senza di noi". Lo dice Matteo Renzi a Rtl a proposito degli attriti interni alla maggioranza e con Conte. "Approviamo questo benedetto Recovery - ha aggiunto il leader di Italia Viva -. Ma mettiamo questi soldi per le cose utili. Anzi a Conte diciamo: 'corri, presenta il Recovery, presenta i ristori. Ieri hanno detto di chiudere i bar dopo le 18 non permettendo l'asporto e se tu li chiudi, devi dargli i ristori. Allora facciamolo questo decreto ristori. Sono tutte questioni su cui c'è bisogno di correre, non ne posso più di perdere tempo".

Al premier, aggiunge il leader Iv, "io non ho mai chiesto la conta in Aula, il presidente del Consiglio ha detto: 'ci vedremo in Aula e ci conteremo lì'".

"L'idea di essere asfaltato da Casalino è un'idea alla quale non avevo pensato quando ho iniziato a far politica.... né mi preoccupa né mi esalta questa prospettiva. Io - ha spiegato Renzi - ho proposto dei contenuti e se la reazione di Conte e dei suoi collaboratori è 'andiamo in aula e li asfaltiamo', io spero soltanto che hanno fatto bene il conto dei numeri. Se danno queste veline ai giornali, sapete che c'è? Ci vediamo in Senato. Si vedrà che noi difendiamo gli interessi degli italiani, loro che vogliono mantenere la poltrona", ha ribadito.

"Una cosa sono i post, i tweet e le storie su Instagram, una cosa sono i documenti. Io non so dire se ci hanno dato ragione, lo saprò quando ci daranno i documenti", ha sottolineato ancora Renzi, aggiungendo: "Il presidente della Repubblica ha detto parole che condividiamo, ma in Italia il presidente è un arbitro non dice a un dirigente politico quello che deve fare".

"Io non chiedo poltrone o teste ma che ci diano ascolto", dice poi il leader di Iv, in collegamento con 'L'Aria che tira' su La7, tornando sulle fibrillazioni interne alla maggioranza. "A me interessa - ha spiegato - che tirino fuori il documento sul Recovery Plan, perché al momento sono solo chiacchiere. Se non siamo d'accordo, a differenza degli altri che stanno attaccati alla poltrona, noi le poltrone le restituiamo".

"Non so dire cosa farà il presidente del Consiglio, so che ha detto in una conferenza stampa a fine anno: sfido Italia Viva in Aula. Questo atteggiamento proprio lungimirante non è", ha sottolineato l'ex premier, aggiungendo: "Conte può stare al suo posto quanto gli pare, il problema è se restiamo al nostro posto noi". "A me - sottolinea - quello che interessa davvero è che si smetta di perdere tempo". "Sei mesi fa chiediamo al governo di presentare il Recovery Plan all'Europa, da sei mesi si continua a rinviare. Il documento presentato qualche settimana fa era semplicemente inguardabile, stiamo solo chiedendo che si spendano bene i soldi dell'Europa. Se volete buttare questi soldi, fatelo senza di noi", ha aggiunto, rinnovando l'invito alla rapidità al premier Conte: "Datti una mossa... La stabilità non è l'immobilismo. Con l'immobilismo l'Italia muore".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza