cerca CERCA
Sabato 10 Dicembre 2022
Aggiornato: 09:14
Temi caldi

Renzi vede Schulz, il premier: "L'Italia non fa polemiche ma proposte"

12 febbraio 2016 | 13.02
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Il presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz e il presidente del Consiglio Matteo Renzi (Adnkronos)

"Non vogliamo essere quelli che aprono polemiche ma siamo altrettanto chiari nel dire che Italia è ripartita, l'Italia ha fatto le riforme di cui si è discusso per anni e che non sono mai state fatte. Quella dell'Italia non è la voce di chi porta fastidi ma di chi porta proposte". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nella sala stampa di Palazzo Chigi al termine dell'incontro con il presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz (FOTO).

"L'Europa - ha detto ancora il premier durante la dichiarazione congiunta - è chiamata a una grande sfida. Noi siamo europeisti convinti ma siamo anche convinti che la Ue debba cambiare la dimensione di politica sociale ed economica. Siamo convinti che l'Europa debba occuparsi un po' meno di cambiare sempre le regole sulle banche e di preoccuparsi un po' di più dell'occupazione e delle difficoltà delle persone. Un po' più sociale e un po' meno finanziaria, anche perché non sempre le regole finanziarie hanno funzionato bene".

"Siamo convinti del fatto che, insieme, dobbiamo lavorare per un'Europa che mostra il suo volto più bello, per un'Europa che sia luogo di investimento sul futuro", ha ribadito il premier.

"L'Italia - ha aggiunto il presidente del Consiglio - sta al tavolo europeo con la volontà di dare una mano ma anche un cuore all'europeismo. L'Italia non chiede ma offre, con la volontà di dare una mano, sapendo che se la politica economica di questi anni non ha funzionato forse dovremmo fare una riflessione comune".

"L'Europa si deve muovere insieme, altrimenti il rischio di scollamento con i cittadini aiuterà la vittoria delle forze demagogiche e populiste. Non mi riferisco all'Italia, dove, dopo tanti anni la stabilità non è più in discussione ma ad altri grandi Paesi, dove la disoccupazione e la crisi producono questo tipo di reazioni, ha concluso Renzi.

Per il presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, "l'Italia non è soltanto un Paese fondatore" dell'Unione Europea, ma "è soprattutto e veramente un pilastro fondamentale dell'Europa" e ha "il governo più stabile di tutta la zona mediterranea". "Vorrei dare atto a tutti i passi coraggiosi che fa l'Italia", ha proseguito Schulz, secondo il quale l'Italia merita "rispetto" per il suo operato.

"Il vantaggio" quando si parla con il presidente del Consiglio italiano, ha aggiunto Schulz, "è che si parla chiaro, perché con Matteo non si può prenderla alla larga, si parla subito chiaramente di quello che ci interessa e questo è molto importante e di grande aiuto in politica". Un incontro, ha detto ancora, "molto buono, in cui abbiamo dimostrato che praticamente in tutti i punti c'è intesa di vedute per quanto riguarda la situazione internazionale"

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza