cerca CERCA
Mercoledì 03 Marzo 2021
Aggiornato: 14:26
Temi caldi

Scuola, rientro in classe in cinque regioni: riprendono le proteste

25 gennaio 2021 | 07.40
LETTURA: 2 minuti

Superiori in presenza al 50% in Umbria, Marche, Liguria e Lombardia, tornata arancione. In Campania a scuola i ragazzi delle medie

alternate text
(Fotogramma)
(Adnkronos)

Rientro in classe oggi per gli studenti di altre cinque regioni. Oggi infatti la campanella suona per i ragazzi delle superiori di Umbria, Liguria, Marche, Lombardia e per i ragazzi delle medie della Campania. Rientro in aula anche per gli alunni lombardi di seconda e terza media appena passati in zona arancione.

Leggi anche

Attesa per il 1° febbraio la riapertura delle scuole superiori di Campania, Puglia, Sardegna, Basilicata, Veneto, Calabria, Friuli Venezia Giulia. Già in classe gli studenti della Valle d’Aosta, Toscana, Piemonte, Emilia Romagna, Abruzzo, Molise, Lazio. Gli studenti della Sicilia, in zona rossa, sono invece in didattica distanza dalla seconda media alle superiori. A Bolzano, nonostante l’area rossa, la scuola continua in presenza.

Con i rientri di questa settimana salgono a 14 le Regioni che hanno ripreso - se pur con difficoltà e in molti istituti "a singhiozzo" - le lezioni in aula: i primi a tornare a scuola dopo le vacanze di Natale erano stati gli studenti delle Province autonome di Trento e Bolzano (il 7 gennaio), seguiti da quelli di Valle d'Aosta, Toscana e Abruzzo (l'11 gennaio) e infine di Lazio, Emilia-Romagna, Piemonte e Molise (18 gennaio). Tra una settimana, come già stabilito, dovrebbe essere la volta di Friuli Venezia Giulia, Basilicata, Veneto, Sardegna, Calabria, Campania (solo superiori) e Puglia.

E prosegue la protesta del comitato Priorità alla Scuola. Domani manifestazioni in 23 città: Firenze, Milano, Roma, Bologna, Genova, Napoli, Cremona, Prato, Bari, Massa Carrara, Salerno, Modena, Reggio Emilia, La Spezia, Pisa, Trieste, Mantova, Catania, Siracusa, Ancona, Vicenza, Padova, Venezia. “Il 25 gennaio è il giorno in cui chiudono le iscrizioni alle scuole per l’anno scolastico 2021-22. Questa data rappresenta l’occasione giusta per porre fine alle cosiddette “classi pollaio”, la riduzione del numero di alunni per classe è una condizione prioritaria per garantire una scuola di qualità per tutti, insieme all’incremento degli spazi scolastici e dell’organico di docenti e personale ATA“, scrivono in una nota.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza