cerca CERCA
Venerdì 07 Maggio 2021
Aggiornato: 20:35
Temi caldi

Riapertura scuole, presidi: "Ogni scuola decida quanti rientrano"

20 aprile 2021 | 11.06
LETTURA: 2 minuti

Giannelli: "Tante aule non sono spaziose, il distanziamento potrebbe non essere rispettato"

alternate text

"Se la scelta politica è quella di rientrare al 100%, si rientra. Però il distanziamento potrebbe non essere rispettato. Se vogliamo che il distanziamento sia rispettato allora dobbiamo concedere alla singola scuola di stabilire la percentuale di rientro". Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi (Anp), si esprime così sulla riapertura della scuola a partire dal 26 aprile. "Ci sono tante aule nel nostro paese che non sono molto spaziose e il distanziamento di un metro in molte situazioni non sarà possibile", dice a Rainews 24.

Leggi anche

Il rientro a scuola in presenza sarà sul tavolo del confronto, in programma oggi alle 17 tra regioni e governo. L'esecutivo, sul ritorno in classe, sembra convinto a non arretrare, a non concedersi cedimenti. "Non se ne parla. All'ultima cabina di regia - ha raccontato all'Adnkronos uno dei ministri che ne ha preso parte - Draghi era convintissimo sul ritorno in aula, il più convinto di tutti. Su questo sono certo che non tornerà indietro, vuole i ragazzi in classe. La scuola prima di tutto, ha detto mentre decidevamo delle riaperture, ricordandoci come l'istruzione sia rimasta drammaticamente indietro in questo anno di pandemia".

La parola d'ordine resta 'ripartire in presenza', senza tralasciare il tema prioritario della sicurezza. Si lavora al potenziamento dei mezzi pubblici -vero tallone d'Achille del sistema scuola, soprattutto alle superiori - ai tracciamenti, agli ingressi scaglionati per evitare assembramenti. Ma anche, raccontano alcuni beninformati all'Adnkronos, all'ipotesi di lezioni 'outdoor', in musei, palestre, parchi attrezzati e spazi all'aria aperta soprattutto, sul modello della 'scuola diffusa' partito in Emilia Romagna - regione del ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi - ancor prima che la pandemia investisse l'Italia. "Ogni strada verrà battuta affinché la scuola riapra in massima sicurezza, ma il 26 aprile si torna in classe", hanno ribadito fonti di governo alla vigilia dell'incontro con le Regioni sulla scuola.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza