cerca CERCA
Domenica 24 Ottobre 2021
Aggiornato: 23:02
Temi caldi

Ricerca: l'obesità si 'legge' nella saliva, gene mancante decuplica rischio

31 marzo 2014 | 17.46
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Roma, 31 mar. (Adnkronos Salute) - Nella saliva la chiave per 'leggere' il rischio di obesità e per cercare nuovi e più efficaci trattamenti. Una riduzione dell'amilasi salivare, gene implicato nella digestione degli zuccheri complessi, favorisce infatti il forte sovrappeso: le persone che hanno un numero di copie minore di questo gene e poco enzima d'amilasi nel sangue, hanno un rischio moltiplicato per 10. Non solo. Ogni copia di amilasi salivare in meno aumenta del 20% il rischio obesità. Sono i risultati di uno studio internazionale - Cnrs/Institut Pasteur di Lille/Imperial College London) - coordinato dal francese Philippe Froguel e pubblicato su 'Nature Genetics'.

Le persone più 'ricche' di amilasi salivare hanno un vantaggio nutrizionale: dall'inizio dell'agricoltura, 10.000 anni, fa il numero di copie del gene "AMY1" dell'enzima salivare, situato sul cromosoma1, ha determinato, secondo i ricercatori, un vantaggio nella selezione naturale. Non è ancora chiaro, però, perché la carenza di amilasi favorisca l'obesità. Due le ipotesi dei ricercatori. La prima è che la masticazione degli alimenti e la loro digestione parziale nella bocca, potrebbe avere un effetto ormonale con un senso di sazietà minore per chi ha meno amilasi.

La seconda ipotesi è che la cattiva digestione degli amidi potrebbe modificare la flora intestinale e anche contribuire indirettamente allo sviluppo dell'obesità favorendo altre patologie: le persone che hanno poca amilasi salivare hanno anche una glicemia esageratamente elevata quando mangiano amidi. I risultati dello studio aprono la strada ad una migliore conoscenza della predisposizione genetica all'obesità e alla possibilità di terapie che tengano conto della digestione degli alimenti e dell'effetto sulla flora intestinale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza