cerca CERCA
Domenica 24 Ottobre 2021
Aggiornato: 22:45
Temi caldi

Ricerca: musica 'accende' cervello, a Roma test su effetto brani

21 luglio 2014 | 14.40
LETTURA: 2 minuti

Roma, 21 lug. (Adnkronos Salute) - La musica può influenzare l'attività cerebrale, come e in che misura? E' l'interrogativo attorno al quale ruota il progetto 'Music and Neuroscience' nato dalla sinergia tra la storia Royal Philarmonic Orchestra britannica e il Centre Scientific Research, e affidato a una delle eccellenze italiane nel settore delle neuroscienze e della neuroriabilitazione, l'Irccs Fondazione Santa Lucia. Lo studio valuterà l'attività bioelettrica cerebrale durante l'ascolto di brani musicali selezionati e registrati dalla Royal Philarmonic Orchestra.

La produzione musicale della Rpo "si presta bene a tale sperimentazione scientifica grazie alla particolare ricchezza del suo linguaggio sinfonico", spiegano i ricercatori in una nota. La complessità musicale dei brani, caratterizzata tra l'altro da un'elevata strumentalità, consentirà di verificare l'importanza della musica sull'attività cerebrale, analizzando in particolare le diverse influenze del ritmo e della melodia sulle onde cerebrali. Inoltre permetterà di studiare come la musica possa modificare il modo in cui le diverse aree cerebrali comunicano tra loro, sia durante che dopo l'ascolto musicale, inducendo meccanismi di plasticità cerebrale.

Il lavoro si inserisce nel solco delle ricerche già realizzate all'interno dell'Istituto romano. Questi studi offriranno importanti opportunità non solo per la comprensione di alcuni aspetti del Sistema nervoso centrale ma anche dei meccanismi che possono favorire il recupero delle funzioni cerebrali compromesse da patologia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza