cerca CERCA
Lunedì 20 Settembre 2021
Aggiornato: 23:48
Temi caldi

Ricerca: Nescens entra nel campo delle cellule staminali

24 giugno 2015 | 08.05
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Un settore che offre risultati e prospettive promettenti in diversi campi, in particolare per la cura di gravi patologie quali sclerosi laterale amiotrofica (Sla), Alzheimer, paralisi celebrali, morbo di Parkinson. La ricerca sulle cellule staminali sta diventando sempre più strategica per il settore medico e per questo Nescens, filiale di Aevis Holding Sa, ha annunciato oggi a Lugano, a margine del Congresso svizzero di ostetricia e ginecologia, il suo ingresso in questo settore di ricerca grazie a una partnership esclusiva con la Swiss Stem Cell Bank di Lugano.

"Prevediamo un investimento a medio termine di oltre 20 milioni di franchi in queste attività - spiega Pierre-Olivier Haenni, Ceo di Nescens – e intendiamo sostenere e incoraggiare i nostri medici in progetti di ricerca sulla medicina rigenerativa, oltre ad assumere una cinquantina di collaboratori nel corso dei prossimi anni".

La società propone attualmente la conservazione delle cellule staminali estratte dal sangue cordonale al momento della nascita e di quelle prelevate dal tessuto adiposo in età adulta. Quest'ultime "grazie alle certificazioni di qualità sia sul piano nazionale (Swissmedic) sia internazionale (Fact Netcord), potranno ugualmente essere impiegate al di fuori del territorio svizzero e nel contesto di studi clinici", aggiunge Veronica Albertini, direttrice scientifica della Swiss Stem Cell Bank. E' importante, infatti, conclude Haenni, "lavorare su sinergie internazionali in un settore in cui il savoir-fare medico e scientifico svizzero è una vera risorsa per essere all'avanguardia nel campo della medicina nel mondo".

Ricerca, Albertini: su uso staminali progressi notevoli

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza