cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 18:48
Temi caldi

False app bancarie su Android, l'allarme

20 febbraio 2019 | 17.22
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Foto uff. st. ESET)

Allarme dei ricercatori di Eset che mettono in guardia dalla minaccia sottovalutata delle false app bancarie per dispositivi Android. Queste app, spiegano gli esperti della multinazionale basata a Bratislava, "si presentano come applicazioni finanziarie legittime con l’obiettivo di rubare credenziali o denaro dai conti bancari delle vittime". Anche se "tecnicamente lontane dalle modalità più avanzate di frode", i ricercatori di Eset spiegano che le false app bancarie "presentano vantaggi strategici che le rendono comparabili a tipi di malware molto più sofisticati come i trojan bancari".

L'analisi dei ricercatori relativa ai due tipi di frode, entrambi presenti nello store ufficiale di Google Play, ha dimostrato che "le app bancarie fake presentano per i cybercriminali alcuni vantaggi che i temuti trojan bancari non hanno". Il principale punto di forza di queste app fake è la loro "pressochè totale somiglianza alle applicazioni bancarie legittime". Se gli utenti cadono nel tranello e installano l'app fake sul proprio smartphone, "c'è un'alta probabilità che considerino legittima la schermata di accesso visualizzata e inviino le proprie credenziali" avvertono gli esperti.

E, contrariamente ai trojan bancari, "non vengono richiesti permessi aggiuntivi che possano sollevare il sospetto degli utenti dopo l'installazione". Oltre a questo, i trojan bancari sofisticati sono maggiormente soggetti al rilevamento dei software antivirus, a causa delle loro tecniche avanzate che fungono da trigger per varie misure di sicurezza. Per stare al sicuro dai malware bancari che imperversano sui dispositivi Android, gli esperti di Eset consigliano, tra l'altro, agli utenti di tenere aggiornato il proprio dispositivo, di tenere sempre disabilitata sul proprio dispositivo l'opzione "installazione di app da fonti sconosciute".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza