cerca CERCA
Giovedì 23 Settembre 2021
Aggiornato: 14:56
Temi caldi

Riciclo dei rifiuti, Italia ai vertici delle classifiche Ue

12 agosto 2016 | 10.14
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma) - (FOTOGRAMMA)

Italia ai vertici delle classifiche europee del riciclo, nonostante non sia fra i Paesi più virtuosi quanto a capacità di raccolta differenziata. È infatti grazie alla rilevanza della componente di riciclo legata ai rifiuti pre consumo, ossia gli scarti industriali (rifiuti cosiddetti 'speciali') che l’Italia può vantare questo primato. Lo rileva il Report Finanza Locale 2016 a cura del Centro Studi e ricerche di Cassa depositi e prestiti.

I rifiuti speciali prodotti in Italia sono oltre quattro volte superiori a quelli urbani (nel 2014 sono state prodotte circa 131 milioni di tonnellate di rifiuti speciali). Secondo l’Ispra, l’Italia - con il suo 75% di rifiuti speciali riciclati - è al secondo posto in Europa (la media Ue è pari a circa il 46%).

Meglio dell’Italia fa solo la Slovenia (80,3%), mentre seguono subito dopo il Belgio (oltre 73%) e la Germania (70% circa).

Molteplici sono le criticità rilevate che ostacolano una gestione efficiente del comparto, tra cui una dotazione impiantistica ancora oggi irrazionale, insufficiente in alcune aree, obsoleta e talvolta sovradimensionata in altre.

Con l’obiettivo di agevolare gli investimenti necessari a migliorare la dotazione infrastrutturale sarebbe importante puntare, tra le altre cose, su processi di aggregazione, interventi in equity, incentivi per il coinvolgimento di investitori di lungo termine e sulla sinergia con le risorse europee.

Inoltre, nel 2014 in Italia si sono prodotte quasi 30 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani, circa 500 kg pro capite. Il 34% dei rifiuti prodotti viene ancora smaltito in discarica, rispetto a una media europea che si aggira intorno al 28%

Alcuni dei Paesi europei più virtuosi, sottolinea il rapporto, sono tuttavia prossimi a raggiungere l’obiettivo di azzerare il conferimento in discarica (0,6% in Svezia, 1% in Belgio, 1,3% in Danimarca, 1,4% in Germania e in Olanda).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza