cerca CERCA
Mercoledì 29 Giugno 2022
Aggiornato: 21:30
Temi caldi

Rifiuti, allarme Ocse: "Ancora troppa plastica, solo il 9% viene riciclato con successo"

22 febbraio 2022 | 13.59
LETTURA: 3 minuti

Divieti e tasse sulla plastica monouso esistono in più di 120 paesi, ma non stanno facendo abbastanza per ridurre l'inquinamento

alternate text
(Fotolia)

Il mondo sta producendo il doppio dei rifiuti di plastica rispetto a due decenni fa, con la maggior parte di essi che finiscono in discarica, inceneriti o fuoriescono nell'ambiente, e solo il 9% viene riciclato con successo. In vista dei colloqui delle Nazioni Unite sull'azione internazionale per ridurre i rifiuti di plastica, il primo Global Plastics Outlook dell'Ocse mostra che mentre l'aumento della popolazione e dei redditi guida un aumento inarrestabile della quantità di plastica utilizzata e gettata via, le politiche per frenare la sua perdita nell'ambiente stanno fallendo.

Secondo il report, quasi la metà di tutti i rifiuti di plastica è generata nei paesi dell'Ocse. I rifiuti di plastica generati annualmente per persona variano da 221 kg negli Stati Uniti e 114 kg nei paesi europei Ocse a 69 kg, in media, per Giappone e Corea. La maggior parte dell'inquinamento da plastica deriva da una raccolta e uno smaltimento inadeguati di detriti di plastica più grandi noti come macroplastiche, ma anche la perdita di microplastiche (polimeri sintetici di diametro inferiore a 5 mm) da cose come pellet di plastica industriale, tessuti sintetici, segnaletica orizzontale e usura degli pneumatici è una seria preoccupazione.

I paesi dell'Ocse sono dietro il 14% delle perdite complessive di plastica. All'interno di questo, i paesi dell'Ocse rappresentano l'11% delle perdite di macroplastiche e il 35% delle perdite di microplastiche. L'Outlook rileva che la cooperazione internazionale sulla riduzione dell'inquinamento da plastica dovrebbe includere il sostegno ai paesi a basso reddito nello sviluppo di migliori infrastrutture di gestione dei rifiuti per ridurre le perdite di plastica.

Il rapporto rileva che la crisi Covid-19 ha portato a una diminuzione del 2,2% dell'uso della plastica nel 2020 a causa del rallentamento dell'attività economica, ma un aumento dei rifiuti, degli imballaggi alimentari da asporto e delle attrezzature mediche in plastica come le maschere ha fatto aumentare i rifiuti. Con la ripresa dell'attività economica nel 2021, anche il consumo di plastica è rimbalzato.

Ridurre l'inquinamento da plastica richiederà azioni e cooperazione internazionale per ridurre la produzione di plastica, anche attraverso l'innovazione, una migliore progettazione dei prodotti e lo sviluppo di alternative rispettose dell'ambiente, nonché sforzi per migliorare la gestione dei rifiuti e aumentare il riciclaggio.

Divieti e tasse sulla plastica monouso esistono in più di 120 paesi, ma non stanno facendo abbastanza per ridurre l'inquinamento complessivo. Secondo il Global Plastics Outlook dell'Ocse la maggior parte delle normative sono limitate a oggetti come i sacchetti di plastica, che costituiscono una piccola quota di rifiuti di plastica, e sono più efficaci nel ridurre i rifiuti che frenare il consumo di plastica. Le tasse sulle discariche e sull'incenerimento che incentivano il riciclaggio esistono solo in una minoranza di paesi. L'Outlook chiede un maggiore utilizzo di strumenti quali i regimi di responsabilità estesa del produttore per imballaggi e beni durevoli, le tasse sulle discariche, i sistemi di rimborso dei depositi e la tariffa puntuale.

La maggior parte delle materie plastiche in uso oggi sono plastiche vergini, o primarie, realizzate con petrolio greggio o gas. La produzione globale di plastica da plastica riciclata, o secondaria, è più che quadruplicata da 6,8 milioni di tonnellate (Mt) nel 2000 a 29,1 Mt nel 2019, ma questo è ancora solo il 6% della dimensione della produzione totale di plastica.

Secondo il report occorre fare di più per creare un mercato separato e ben funzionante per la plastica riciclata, che è ancora vista come sostituta della plastica vergine. La definizione di obiettivi in materia di contenuto riciclato e l'investimento in tecnologie di riciclaggio migliorate potrebbero contribuire a rendere i mercati secondari più competitivi e redditizi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza