cerca CERCA
Giovedì 02 Dicembre 2021
Aggiornato: 08:54
Temi caldi

Riforme, da Senato sì a emendamento 'canguro'. Protestano Lega e M5S

01 ottobre 2015 | 10.28
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Non ci sarà nessun emendamento del governo all'articolo 2. Lo sottolineano fonti di palazzo Chigi. La linea del governo, spiegano a palazzo Chigi, è che sulle minoranze linguistiche sia più logico rimettersi all'aula. Si tratta di una questione tecnica che ai fini della riforma è indifferente. Un emendamento del governo caricherebbe la questione tecnica di significato politico e dovrebbe costringere il governo stesso a un voto segreto o a porre la questione di fiducia. E Renzi non ha alcuna intenzione di farlo, sottolineano sempre a palazzo Chigi.

La conferma arriva anche dal ministro delle Riforme Maria Elena Boschi, che al termine di una riunione con i capigruppo di maggioranza al Senato assicura non ci sarà un emendamento del governo. "E' mai stato preso in considerazione?" chiedono i giornalisti. "Sto dicendo che non ci sarà, poi si valutano tante cose", replica il ministro.

VIA LIBERA ART.1 - Via libera dell'aula del Senato con 172 sì, 108 no e tre astenuti all'articolo 1 del testo di riforma della Costituzione, che ridefinisce le funzioni e la natura del nuovo Senato, modificando il contenuto dell'attuale articolo 55 della Carta.

Clima di alta tensione in Aula dopo il via libera con 177 sì, 52 voti contrari e due astenuti al cosiddetto emendamento canguro, presentato dal senatore del Pd Roberto Cociancich. La proposta di modifica, molto contestata dall'opposizione, avendo un effetto "ghigliottina", ha fatto decadere tutti gli emendamenti all'articolo 1 (complessivamente 220 pagine di emendamenti) e eliminato i voti segreti.

I senatori della Lega Nord e del M5S non hanno partecipato per protesta al voto sull'emendamento Cociancich.

Tre no anche dal gruppo Pd all'emendamento. Un voto negativo espresso da Corradino Mineo (che lo ha annunciato in aula) e Walter Tocci, mentre Felice Casson si è astenuto, anche se il voto di astensione per Regolamento al Senato, equivale a un voto contrario.

La presidente della commissione Affari Costituzionali, Anna Finocchiaro, ha precisato in Aula: "L'emendamento Cociancich riproduce esattamente l'emendamento da me firmato, insieme ai capigruppo della maggioranza. Il contenuto dell'emendamento non è frutto della mia fantasia creatrice ma dei lavori di commissione e dell'attività emendativa su un terreno comune, sugli assi portanti della riforma".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza