cerca CERCA
Giovedì 21 Ottobre 2021
Aggiornato: 18:06
Temi caldi

Riforme, Renzi: "Senza un punto comune, pronto a passo indietro"

29 aprile 2014 | 16.56
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Roma, 29 apr. (Adnkronos/Ign) - "Noi faremo tutti gli sforzi fino all'ultimo giorno per trovare un punto comune. Se non si trova, sono pronto a fare un passo indietro. A tutti i costi io non ci sto, o così o vado a casa". Lo ha spiegato Matteo Renzi parlando all'assemblea dei senatori del Pd convocata per discutere del disegno di riforma del Senato e del Titolo V.

"Le riforme sono vittorie straordinarie", ha premesso, assicurando che "ascoltiamo nel merito e nel metodo, ma siamo convinti dei punti fermi imprescindibili". "La nostra non è una riforma autoritaria e non accetto che qualcuno chiami autoritario chi non la pensa come lui. Il merito delle riforme costituzionali è dell'unità del Pd" e queste riforme sono "in continuità con quelle del 2013" e con la linea di Pierluigi Bersani, ha spiegato il premier.

Il premier è entrato nel merito dei singoli punti della riforma messa a punto dal governo e ora in discussione a palazzo Madama: "L'Italicum introduce per la prima volta il ballottaggio che fa chiarezza; l'abolizione del Cnel è un punto condiviso", è stata la premessa. "ll fatto che il Senato si batta per abolire il bicameralismo perfetto é un punto di forza, c'è consenso anche sul no alla fiducia e sul no al voto di bilancio -ha spiegato il presidente del Consiglio-. Resta il tema della composizione: i 21 li rivendico, ma vedo che vengono considerati un'idea sbagliata. Obbediva all'idea di un Senato non solo come Bundesrat. Ma ne prendo atto".

Renzi ha sottolineato che "la composizione paritetica tra regioni e sindaci sarebbe stata un valore, l'avrei preferita, è coerente con la storia. Ma è un punto su cui possiamo discutere. Si può operare un riequilibrio".

Nel suo intervento Renzi ha poi toccato il punto più caldo, quello dell'indicazione dei senatori. "Sulle regioni, si vede nella capacità elettiva diretta un elemento di maggiore legittimazione. Dissento. Dal punto di vista normativo diretto e indiretto uguale", ha spiegato il premier.

Così Renzi ha avanzato una "proposta di sintesi: non disciplinare noi il modo con cui vengono eletti nelle regioni, con un peso ponderato delle singole regioni. Potremmo lasciare alle singole regioni le modalità di individuazione dei consiglieri regionali. E' un tema che va verificato".

L’intesa all’interno del Pd sembra quindi più vicina e a confermarlo è lo stesso Vannino Chiti. "Sul tema della composizione l'accordo c'è", sull'indicazione dei componenti "c'è stato qualche passo in avanti ma consentire a ogni Regione di scegliere i componenti è una cosa discutibile". "L'unica cosa davvero importante è il diritto di scelta dei cittadini", spiega l'esponente del Pd al termine dell'assemblea dei senatori dem. "Ci sono punti significativi di avvicinamento, ma anche aspetti da approfondire. Vedremo come sarà il testo base dei relatori, se ci sarà da presentare emendamenti sulle competenze o su come eleggere i componenti lo faremo e, come dice anche il presidente del Consiglio, per le riforme si cerca la condivisione più ampia", promette Chiti.

Ottimista il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi: "Io credo che possiamo lavorare tutti insieme, magari ciascuno rinunciando a un pezzettino, per arrivare ad un accordo complessivo. Ci sono già tanti punti in comune. Siamo vicini ad un accordo". Slitta però a martedì prossimo la presentazione del testo base sulle riforme in commissione affari costituzionali del Senato, da parte dei relatori Anna Finocchiaro e Roberto Calderoli. "Entro il 25 maggio potremmo terminare l'esame in commissione, la prossima settimana arriverà il testo base. Ma se dovessimo scavallare di una settimana o due, non sarebbe un dramma perché avremmo finalmente dopo 30 anni una riforma istituzionale", ha spiegato Boschi

Nel suo intervento il premier ha poi puntato il dito contro Berlusconi e Grillo. Loro "non vogliono cambiare verso. Voglio mandare un saluto affettuoso al presidente Napolitano, non a caso attaccato ieri da Grillo e Berlusconi", ha detto ancora tornando sugli episodi degli ultimi giorni ed esprimendo "forte preoccupazione per le parole del leader di Forza Italia sui lager ma anche per quelle di Grillo sulla Shoah, sono inaccettabili". Tuttavia per il premier "tenere dentro Forza Italia è doveroso, significa dire agli italiani che non ci stiamo scrivendo le regole da soli. L'accordo sulle regole si fa con tutti".

Renzi ha anche parlato delle possime elezioni europee invitando a non badare ai sondaggi, perché "ci danno avanti, ma io ho detto ai miei che se li vedo ancora guardare i sondaggi li meno". "Dobbiamo fare campagna elettorale non nelle stanze istituzionali ma tra la gente, per sentire cosa hanno da dirci", ha spiegato il premier sollecitando: "Dobbiamo stare vicino ai nostri candidati, il Pd deve fare il Pd".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza