cerca CERCA
Martedì 28 Settembre 2021
Aggiornato: 13:09
Temi caldi

Riforme: vertice P. Chigi, senatori non eletti ma si lavora a 'formula'

28 aprile 2014 | 12.47
LETTURA: 1 minuti

I 'nuovi' senatori non saranno eletti direttamente, non percepiranno indennità da palazzo Madama e saranno emanazione dei consigli regionali. Ma sulla formula precisa della loro indicazione (se scelti dai colleghi consiglieri o da scegliere da listino separato al momento delle elezioni regionali) si continua a lavorare.

E' quanto emerge dal vertice di stamattina che Matteo Renzi ha presieduto a palazzo Chigi con Anna Finocchiaro, Maria Elena Boschi e Luigi Zanda sulla riforma del Senato. Nella riunione, a quanto si apprende, è stato stabilito che l'impianto della riforma governativa resta, a partire dai 4 paletti sui quali ha molto insistito lo stesso presidente del Consiglio.

A conferma di ciò, il fatto che testo di riferimento a palazzo Madama sarà quello presentato dal governo con modificate apportate dagli stessi relatori. Le novità maggiori riguarderanno i componenti indicati dal capo dello Stato, che non saranno più 21 ma molti di meno (da 5 a 10), e un riequilibrio nella rappresentanza tra comuni e regioni anche in base a un principio proporzionale per le regioni stesse. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza