cerca CERCA
Mercoledì 06 Luglio 2022
Aggiornato: 15:26
Temi caldi

Rimini, 17enne stuprata in discoteca: le amiche filmano tutto tra le risate

14 settembre 2016 | 11.21
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Fotogramma

Una ragazza completamente ubriaca e praticamente incosciente è stata violentata da un ragazzo nel bagno di una discoteca. La vicenda è stata documentata da alcune amiche che hanno ripreso la scena col cellulare facendo un video che poi hanno diffuso su WhatsApp. I fatti vedono coinvolta una 17enne residente in una località in provincia di Rimini e risalgono a qualche tempo fa.

La giovane si trovava un sabato sera in discoteca con altre ragazze e ha bevuto al punto da non capire quasi più niente, come lei stessa ha raccontato agli inquirenti, e come riportato dai quotidiani locali riminesi. Trascinata in bagno da un ragazzo di origine albanese, conosciuto di vista, la 17enne avrebbe subito violenza. La scena è stata ripresa dalle amiche dalla toilette di fianco, con un cellulare. Nel video non si vede la vittima in volto ma le immagini mostrano come la ragazza fosse completamente inerme. In sottofondo le risate di chi ha filmato la scena.

Dopo aver visto il filmato, caricato su WhatsApp, e ora bloccato dai carabinieri, la 17enne si è rivolta alla madre che si è recata dai carabinieri della provincia del riminese dove abita. La denuncia è arrivata sul tavolo della magistratura riminese ed è stato aperto un fascicolo per violenza sessuale.

A quanto apprende l'AdnKronos, il fatto è accaduto a Sant’Arcangelo di Romagna in un dancing chiuso da aprile scorso per il mancato rinnovo del contratto di locazione. La vicenda risale a marzo e la querela è stata sporta a metà aprile dalla madre della ragazza, che si è rivolta ai carabinieri. I riscontri medici, dunque, si sono potuti effettuare solo un mese e 10 giorni dopo, con risultati ovviamente non soddisfacenti.

Riguardo al video postato su whatsapp e girato dalle amiche della ragazzina, non avrebbe ripreso l’atto sessuale vero e proprio ma solo il ragazzo e la ragazza semi-svestiti. Il ragazzo, di origine albanese, è stato identificato ma non è stato, per ora, iscritto nel registro degli indagati.

A complicare la vicenda infatti è la circostanza che la ragazza non ricorderebbe praticamente niente e, questo fatto, unito ai rilievi medici effettuati fuori tempo massimo per via del ritardo nella querela e al fatto che nel video non si vede alcun rapporto sessuale, mette in difficoltà gli inquirenti che stanno acquisendo le testimonianze delle amiche della minorenne allo scopo di avere dati più certi in mano.

Il dancing dove è avvenuto il fatto non è nuovo a vicende che riguardano la somministrazione di alcol a minori. L’estate scorsa era finito nel mirino delle forze dell’ordine per aver organizzato un happy hour a bordo di uno yacht da cui sarebbe scesa una minorenne completamente ubriaca che il padre era venuto a prendere per portarla a casa.

Il locale, però, ha chiuso ad aprile scorso, un mese dopo la violenza denunciata dalla diciassettenne, e sembra improbabile che gli inquirenti riescano a provare la somministrazione di alcol alla ragazza che, inoltre, non ricorda chi gliel’abbia fornito.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza