cerca CERCA
Lunedì 29 Novembre 2021
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

Olimpiadi

Rio 2016, l'Arabia Saudita parteciperà ai giochi con quattro donne

18 luglio 2016 | 14.29
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Xinhua) - XINHUA

Quattro donne saudite gareggeranno ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, tra cui l'atleta Sarah Attar, che tornerà ai Giochi dopo la sua partecipazione storica a Londra 2012, come ha svelato oggi la dpa. Accanto ad Attar, saranno in Brasile la schermitrice Lubna al-Amir, la judoca Jud Fahmi (nella categoria fino ai 52 kg) e la velocista Kariman Abul-Jadayil, che correrà nei 100 metri. Le atlete parteciperanno ai Giochi, che partono il 5 agosto, dopo aver ricevuto un invito speciale da parte del Comitato Olimpico Internazionale (Cio). Le norme religiose in Arabia Saudita non consentono alle donne di praticare sport e, quindi, partecipare ad eventi di qualificazione, quindi l'unico modo per competere alle Olimpiadi è su invito del Cio.

"Il Comitato Olimpico Internazionale ci ha dato quattro inviti e noi ne faremo uso", ha detto una fonte del Comitato olimpico dell'Arabia Saudita alla dpa. "Prenderemo tutte le misure necessarie per assicurare la partecipazione dell'Arabia Saudita con tutti i requisiti". Il Cio richiede da alcuni anni nella Carta Olimpica che ogni delegazione abbia almeno una donna. Vista la possibilità di essere sanzionati in caso di mancato rispetto della norma, l'Arabia Saudita ha gareggiato a Londra 2012, per la prima volta nella sua storia, con due donne: Attar, che ha gareggiato negli 800 metri, e la judoka Wojdan Shaherkani.

Nonostante la presenza delle donne, il Comitato olimpico saudita ha assicurato che in nessun caso saranno violate le leggi religiose. "Continueremo ad agire in accordo con le leggi governative e religiose. Le atlete saudite parteciperanno ai Giochi nel pieno rispetto delle norme religiose", ha aggiunto la fonte.

A Londra 2012, le autorità saudite hanno fissato tre condizioni per poter dare l'approvazione alla partecipazione delle atlete: indossare un adeguato abbigliamento per la religione, l'approvazione da parte del marito della loro presenza; non entrare in contatto con gli uomini.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza