cerca CERCA
Mercoledì 18 Maggio 2022
Aggiornato: 19:21
Temi caldi

Professioni: Roberto Sartore eletto presidente Confprofessioni Veneto

25 settembre 2014 | 11.27
LETTURA: 2 minuti

Consulente del lavoro e presidente di Ancl Venezia, nonché consigliere nazionale del sindacato di categoria.

alternate text
Roberto Sartore

Rinnovo dei vertici per Confprofessioni Veneto, la confederazione che riunisce le diverse sigle sindacali dei liberi professionisti: il nuovo presidente è Roberto Sartore, consulente del lavoro e presidente di Ancl Venezia, nonché consigliere nazionale del sindacato di categoria. Suo vice sarà Lamberto Barzon dell'Anmvi (medici veterinari) mentre la squadra per i prossimi quattro anni è completata da Lanfranco Dal Canal dell'Antec (tecnici e tecnici laureati), Paolo Piaserico dell'Adc (dottori commercialisti), Giuseppe Pozzato dell'Anc (commercialisti), Silvio Roberto Regis della Fimmg (medici di medicina generale), Riccardo Speranza di Federnotai. Il collegio dei revisori sarà presieduto da Marco Natali, su indicazione della giunta nazionale, e composto da Roberto Battaglierin dell'Anrev (revisori contabili) e Davide Iafelice dell'Ungdcec (giovani dottori commercialisti ed esperti contabili).

Confprofessioni riunisce in Veneto una ventina di sigle sindacali di professionisti nelle aree economia e lavoro, diritto e giustizia, sanità e salute, ambiente e territorio, in rappresentanza di oltre 11.200 studi professionali.

"Il ruolo della confederazione - afferma il neopresidente Sartore - è dare più peso al mondo professionale nei rapporti con la Pubblica amministrazione e cercheremo il dialogo con le altre associazioni di categoria. Soprattutto in una regione come la nostra, colpita più di altre da una crisi che ha travolto il lavoro e i servizi, settori che noi quotidianamente sosteniamo con la nostra attività".

"Proprio con la Pa -fa notare- il lavoro di confronto sarà determinante: la progressiva telematizzazione della pubblica amministrazione e il blocco del turn over ha fatto sì che molti adempimenti, prima propri della Pa, siano stati col tempo scaricati sui professionisti aumentando i nostri oneri senza poter discutere dei diritti che questi comportano".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza