cerca CERCA
Martedì 30 Novembre 2021
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

Roma 2024, il Campidoglio approva la mozione: no ai Giochi

29 settembre 2016 | 10.11
LETTURA: 5 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

L'Assemblea capitolina, a maggioranza M5S, ha approvato la mozione in discussione oggi in Assemblea Capitolina straordinaria sulle Olimpiadi, che "impegna il sindaco e la Giunta affinché ritirino la candidatura della città a ospitare le Olimpiadi e Paralimpiadi del 2024 e a tal fine adottino gli atti e le iniziative necessarie". La mozione, a firma del presidente della commissione Sport Angelo Diario, del capogruppo M5S Paolo Ferrara e della consigliera Cristina Grancio, è stata approvata con 30 voti favorevoli su 42 presenti. Hanno votato a favore del ritiro della candidatura i 29 consiglieri di maggioranza del M5S e il consigliere di Sinistra per Roma Stefano Fassina; contrari alla mozione i 12 consiglieri del Pd, Fi, Fdi, lista Marchini. Il voto è arrivato dopo la bocciatura delle due mozioni, rispettivamente a firma Pd e del centrodestra, che proponevano di proseguire l'iter per Roma 2024.

RAGGI - "Roma ha vinto. Dal consiglio comunale è arrivato lo stop definitivo all'ennesima truffa ai danni dei cittadini. L'assemblea capitolina ha deciso di ritirare la candidatura alle Olimpiadi 2024. Il M5S ha detto no ad ulteriori sacrifici per i romani e gli italiani. Capitolo chiuso''. E' quanto scrive sul suo profilo Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi.

''Era da irresponsabili dire sì alla candidatura - continua Raggi -. Abbiamo voluto dire no ad ulteriori debiti per Roma e per l’Italia. Abbiamo voluto dire no alla banda del mattone, ai Giochi fatti sulla pelle dei cittadini. Perché ciò che hanno fatto nel passato è sotto gli occhi di tutti: cantieri mai chiusi, tanta delusione e nessuna infrastruttura per noi.Le pressioni sono state tante e forti. Quasi un assedio al Campidoglio. Ma abbiamo continuato a lavorare per la città".

"Non a caso oggi durante la seduta del consiglio straordinario sulle Olimpiadi, l’Aula ha approvato un'ulteriore mozione a firma M5S in cui si chiede che i 4 miliardi di euro, destinati alla pianificazione di programmi pubblici dal 2017 al 2023, possano essere effettivamente destinati ad interventi di riqualificazione degli impianti sportivi già esistenti nella Capitale o ad azioni di rigenerazione urbana'', conclude

LA MOZIONE - La mozione del M5S "impegna il sindaco e la Giunta affinché ritirino la candidatura della città a ospitare le Olimpiadi e Paralimpiadi del 2024 e a tal fine adottino gli atti e le iniziative necessarie".

Nel testo del documento si legge che "tenuto conto che fra le città per le quali era stata prospettata l'ipotesi di una candidatura, poi non più presentata e/o ritirata, vi sono Dubai, San Diego, Amburgo (ritirata a seguito di un referendum popolare), Madrid (ritirata dal sindaco) e Boston (ritirata dal sindaco per l'elevato rischio che i costi ricadano sui cittadini); coerentemente con quanto sempre sostenuto dal M5S si ritiene, anche a fronte di una approfondita analisi che ha preso in considerazione il mutato contesto economico e socio-politico, che non sussistano più le condizioni per proseguire nell'iter di presentazione della candidatura della città di Roma ai Giochi olimpici e paralimpici del 2024".

La mozione è a firma del presidente della commissione Sport Angelo Diario, del capogruppo Paolo Ferrara e della consigliera Cristina Grancio.

Roma 2024, Renzi: "Figuraccia internazionale, migliaia di posti di lavoro persi"

FRONGIA - "Io tuttavia sono convinto che non ci sarà alcuna ritorsione dal Coni e dal governo, c'è massima fiducia e rispetto nelle istituzioni" ha detto il vicesindaco di Roma e assessore allo Sport Daniele Frongia. "Invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare ai grandi eventi del rugby internazionale, il Sei Nazioni nel 2017 e gli All Black il 12 novembre a Roma: questi sono fatti, sono i grandi eventi che già nel 2016 stiamo portando e continueremo a farlo nel 2017 e negli anni successivi" ha aggiunto.

DE VINCENTI - "Come è noto anche ai sassi, se a Roma non si terranno eventi sportivi di un qualche rilievo, la responsabilità è solo ed esclusivamente dell'amministrazione comunale che ha scelto di dire no alle Olimpiadi'' ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, replicando al vicesindaco di Roma Daniele Frongia sui mondiali di rugby. "Il dottor Daniele Frongia, già capo di gabinetto del sindaco Raggi e attuale vicesindaco della città di Roma, attribuisce al presidente del Consiglio la responsabilità della mancata candidatura della Capitale ai mondiali di rugby. Come è noto anche ai sassi, se a Roma non si terranno eventi sportivi di un qualche rilievo, la responsabilità è solo ed esclusivamente dell'amministrazione comunale che ha scelto di dire no alle Olimpiadi'', spiega De Vincenti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza