cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 21:32
Temi caldi

Roma, malumore tra consiglieri M5S:"Raggi non eviti confronto"

25 agosto 2016 | 14.16
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Al di là delle dichiarazioni ufficiali con cui tentano di gettare acqua sul fuoco, cresce di giorno in giorno il malumore dei consiglieri M5S in Campidoglio. Alcuni, addirittura, pensano di scrivere una lettera aperta a Virginia Raggi, per chiederle un cambio di passo con un maggior coinvolgimento degli eletti e della base e un confronto sulle scelte che il primo cittadino è chiamata a fare.

Per ora, in diversi lamentano, via chat ma anche off con i cronisti, la mancanza di ascolto della sindaca, 'rea' a detta di molti di non condividere con i 29 eletti le scelte fatte. "Se si trattasse di atti in linea con i valori dei 5 Stelle - dice all'Adnkronos una consigliera tutelandosi dietro l'anonimato - non ci sarebbe nulla da dire. Il problema è che in quel che fa Raggi c'è tutto tranne che lo spirito del Movimento che l'ha resa sindaca".

Nel mirino ancora una volta nomine non condivise e maxistipendi. Anche oggi, viene spiegato, la 'sforbiciata' di alcune retribuzioni non sarà discussa dalla giunta, nonostante i malumori che continuano a serpeggiare, coinvolgendo anche la base romana. Non è escluso, anzi, che la 'limatura' dei compensi alla fine finisca nel dimenticatoio. La spaccatura c'è e sembra farsi di ora in ora più profonda. Anche perché, assicura più di un consigliere, "Raggi si guarda bene da un confronto con noi, se ne tiene alla larga. Senza comprendere che così non fa altro che peggiorare le cose: noi non ci stiamo a fare da passacarte o schiaccia bottoni".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza