cerca CERCA
Martedì 07 Febbraio 2023
Aggiornato: 08:37
Temi caldi

Rifiuti

Rifiuti Roma, sindaco Cerveteri: "Discarica? Qui impossibile"

09 gennaio 2019 | 11.42
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Adnkronos)

Cerveteri non può essere scelta per la realizzazione di una discarica. Lo dice all'Adnkronos il sindaco, Alessio Pascucci che aggiunge: ''Si tratta di una follia anche solo pensare che un sito iscritto nella lista patrimonio mondiale dell'Unesco possa ospitare i rifiuti della Capitale''. ''Tutte le aree individuate all'interno del Comune di Cerveteri - osserva il sindaco - hanno vincoli archeologici individuati dai decreti del ministero per i Beni culturali e Ambientali, nonché il parere negativo della Soprintendenza. È vergognoso che la Città Metropolitana di Roma non abbia tenuto conto di tali vincoli, da noi segnalati insieme al comune di Fiumicino già nel 2017 con apposita relazione tecnica e poi ribaditi nel Tavolo tecnico di giugno 2018 che aveva deciso di rivedere in modo più dettagliato le mappe delle aree bianche presenti nel nostro Comune''.
''Non dimentichiamo poi le dichiarazioni del delegato all'ambiente della Città Metropolitana, Matteo Manunta, che a giugno scorso rassicurava i cittadini di Fiumicino e Cerveteri sul fatto che non è intenzione aprire discariche a Pizzo del Prete e nel territorio della provincia di Roma. Ribadisco che Cerveteri non sarà mai la discarica di Roma. La Città metropolitana - attacca Pascucci - ha fatto orecchie da mercante e non ha voluto recepire in alcun modo le indicazioni fornite per ben due volte dai Comuni e dai Comitati".

Si è tornato a parlare dell'ipotesi Cerveteri dopo che alcuni quotidiani hanno riferito di una mappa con l'indicazione di sette aree adatte ad ospitare discariche consegnata dai tecnici della Città metropolitana di Roma, governata da Virginia Raggi, al ministero dell'Ambiente e alla Regione Lazio. Il ministero dell'Ambiente, in riferimento "ad alcuni articoli di stampa sulla presunta individuazione di alcuni siti erroneamente ritenuti idonei per il conferimento e il trattamento dei rifiuti di Roma, siti che sarebbero stati posti ieri all'attenzione della cabina di regia" voluta dal ministro Sergio Costa, ha però precisato che "si tratta di ricostruzioni assolutamente fantasiose". La Città Metropolitana, ha spiegato il ministero dell'Ambiente in una nota, "non ha individuato alcuna area per la realizzazione di discariche per i rifiuti nel territorio della capitale o dell'area metropolitana, ma si è limitata a confermare la planimetria già inviata nel marzo 2018, indicando le aree vincolate e quindi non idonee". "La mappa nuovamente confermata con delibera dalla Città Metropolitana del 20 dicembre e trasmessa alla Regione Lazio, con mero atto amministrativo previsto dalla legge, riportava le aree indicate dai Comuni dell'area metropolitana come idonee alla realizzazione di impianti. Spetta esclusivamente alla Regione Lazio, nell'ambito del nuovo Piano regionale di gestione dei rifiuti, la scelta dei siti idonei per gli impianti e la loro tipologia", ha precisato la nota.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza