cerca CERCA
Lunedì 18 Ottobre 2021
Aggiornato: 13:07
Temi caldi

Roma, faccia a faccia Raggi-Appendino: "Ci siamo l'una per l'altra"

13 settembre 2016 | 11.09
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Foto dal profilo Twitter di Virginia Raggi)

"Roma e Torino insieme per parlare di città metropolitana e collaborazione su progetti culturali". Così in un tweet la sindaca di Roma Virginia Raggi nel corso dell'incontro, in Campidoglio, con la collega di Torino Chiara Appendino. La Raggi su Twitter ha anche postato una foto che le vede ritratte sul divanetto della stanza del sindaco a Palazzo Senatorio.

Dopo le polemiche di ieri per il post della sindaca romana contro l'assedio dei media un saluto ai cronisti arriva dalla prima cittadina, che si è affacciata dal balcone del suo studio qualche minuto insieme ad Appendino.

"Non credo che abbia bisogno dei miei consigli. Sono città molto diverse" ha detto Appendino, uscendo dal Campidoglio, rispondendo a chi le chiedeva se nel corso dell'incontro con la sindaca di Roma le avesse dato qualche consiglio. Quanto al faccia a faccia con Virginia Raggi, la sindaca di Torino ha commentato: "È andato molto bene, abbiamo preso un buon caffè e abbiamo parlato soprattutto di città metropolitana e percorsi di collaborazione in ambito culturale".

Dopo l'incontro con la prima cittadina della Capitale, Appendino ha pubblicato un post sulla sua bacheca Facebook, sottolineando l'obiettivo comune di lavorare per il bene delle due città. "Si è concluso da poco l'incontro con Virginia Raggi in Campidoglio - ha scritto Appendino - Come sapevamo entrambe è stato un faccia a faccia costruttivo dove abbiamo parlato a lungo delle nostre priorità: Roma e Torino. Sappiamo che '’è molto da fare e ci siamo candidate con il MoVimento 5 Stelle con il preciso obiettivo di lavorare affinché i cittadini romani e torinesi trovino nell’amministrazione una risposta chiara e concreta alle loro difficoltà".

"Roma e Torino hanno indubbiamente situazioni molto diverse e problemi diversi - ha spiegato la sindaca di Torino - ma, checché se ne dica, nessuna ne è immune. Non servono consigli ma confronto, e soprattutto la consapevolezza che in caso di bisogno ci siamo l'una per l'altra nel totale rispetto e indipendenza dei rispettivi ruoli. Per questo abbiamo parlato dei progetti che stiamo portando avanti, della necessità di rivedere l’impostazione della Città Metropolitana e di Cultura, elemento che entrambe consideriamo fondamentale e su cui troppo spesso di è tagliato in nome delle 'urgenze' del momento".

"Noi siamo qui per dimostrare che esiste un modo alternativo di amministrare - ha concluso Appendino - che passa dalla partecipazione dei cittadini. Ma io e Virginia da sole non ce la potremo mai fare, abbiamo bisogno di voi, del vostro interessamento attivo nella vita della città. Tutti insieme abbiamo iniziato un percorso che non sarà facile, che non sarà immediato, ma che ha come unico obiettivo il bene delle nostre città"

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza