cerca CERCA
Domenica 16 Maggio 2021
Aggiornato: 22:25
Temi caldi

Roma, ritardo centrodestra per sindaco: pressing Fi-Lega su Bertolaso

16 marzo 2021 | 20.25
LETTURA: 3 minuti

Salvini-Berlusconi: "È il migliore". Ma restano dubbi di Fdi. La Russa: "Non ci facciamo dettare i tempi dal Pd..."

alternate text
(Fotogramma)

Ora che per la sfida del Campidoglio è pronto a scendere in campo anche Roberto Gualtieri, Forza Italia e Lega tornano a tirare per la giacca Guido Bertolaso. L'ex ministro dell'Economia, almeno sulla carta, è un nome di peso e spaventa un centrodestra che fatica a trovare un candidato sindaco condiviso. Oltre a Gualtieri per il Pd, a sinistra c'è in corsa il leader di Azione Carlo Calenda e i Cinque stelle puntano di nuovo su Virginia Raggi, che i sondaggi considerano un contendente ostico. Nell'altra metà campo, invece, si naviga a vista e le divisioni sono nette: da un lato Silvio Berlusconi e Matteo Salvini pro Bertolaso, dall'altro Giorgia Meloni, che propende per il manager Andrea Abodi.

Leggi anche

Una spaccatura che il rinvio delle comunali a ottobre ha solo 'congelato' e già oggi si ripropone con forza, con Gualtieri schierato dai Dem. Da qui la necessità di trovare una candidatura forte, capace di raccogliere consensi anche al di fuori del perimetro del centrodestra. Bertolaso potrebbe essere la carta giusta, ma stavolta c'è da convincere, raccontano, soprattutto il diretto interessato, stanco di starsene a bagnomaria in attesa dell'ok dei tre leader della coalizione. Raccontano che la posizione dell'ex capo della Protezione civile, ora impegnato a gestire la campagna vaccinale in Lombardia, non sia cambiata rispetto a quanto dichiarato di recente alla trasmissione di Nicola Porro ('' Non posso fare il consulente in Lombardia e gareggiare per Roma, dovranno trovarne un altro...").

Bertolaso, ribadiscono nel suo entourage, non intende candidarsi, insomma. Eppure, continuano a corteggiarlo. Sin dal primo momento considerato il 'candidato di Silvio', Berlusconi ancora oggi pensa che l'ex capo della Protezione civile sia il migliore nome spendibile per Roma. A confermarlo è la senatrice Licia Ronzulli, responsabile per Fi dei rapporti con gli alleati: ''Guido è stato e resta, secondo noi, il miglior candidato sindaco di Roma che il centrodestra possa esprimere". Anche Salvini, raccontano a via Bellerio, continua a puntare su Bertolaso e spera in un suo ripensamento.

Ronzulli assicura che i leader del centrodestra si riuniranno per sciogliere tutti i nodi sul tavolo: ''Torneremo a parlarne con gli alleati nelle prossime settimane: oggi Bertolaso sta facendo un lavoro competente e prezioso in Lombardia". "Il ballottaggio è scritto: Gualtieri e, io spero, Bertolaso...''.

Tra i principali sponsor dell'ex capo della Protezione civile è il senatore Francesco Giro, con doppia tessera (quella di Fi e della Lega): "Gualtieri è un candidato che rispettiamo. Ma noi proprio per questo dovremo scegliere un candidato forte come Bertolaso. La Raggi -pronostica- non arriverà al ballottaggio ma secondo me i suoi voti saranno importanti al secondo turno e credo che molti elettori di Grillo potranno essere persuasi dai nostri argomenti perché non hanno digerito gli accordi di potere fra Pd e Grillo già sanciti nella Regione Lazio con Zingaretti".

Ignazio La Russa, tra i fondatori di Fdi, non si dice preoccupato dalla candidatura di Gualtieri: ''Candidino chi vogliano, tanto le macerie lasciate nella Regione dalla Raggi e dai Cinque stelle loro alleati si vedono da sole, con o senza Gualtieri...''. Il vicepresidente del Senato minimizza le divisioni all'interno del centrodestra: '''Eravamo pronti alla stretta finale, poi per giustificare il no alle politiche, hanno rinviato anche le amministrative e le comunali. Comunque'', assicura il senatore di Fdi, 'non ci facciamo certo noi del centrodestra determinare dagli i tempi in cui annunceremo il nostro candidato sindaco per la Capitale...".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza