cerca CERCA
Venerdì 15 Ottobre 2021
Aggiornato: 18:33
Temi caldi

Roma, scoperto traffico di 'droga dello stupro': 6 arresti

21 settembre 2021 | 07.45
LETTURA: 2 minuti

Due differenti contesti criminali operavano nella Capitale

alternate text

Scoperto a Roma traffico di 'droga dello stupro', 6 arresti (tre in carcere, due ai domiciliari e un obbligo di firma). Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare che ha disposto diverse misure cautelari a carico di 6 persone (quattro uomini e due donne) di nazionalità italiana, cinese e bengalese, accusate di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel dettaglio, è stata scoperta l’esistenza di due differenti contesti criminali, che operavano nella Capitale e impegnati nello smercio e traffico di droghe sintetiche, come lo Shaboo la Yaba, potenti metamfetamine, ma anche in quello di cocaina e Ghb, conosciuta come "droga dello stupro", per i suoi potenti effetti di disinnesco dei freni inibitori. Le droghe sintetiche venivano fornite da una grossista cinese, con base in Toscana, che organizzava il trasporto e la consegna fino a Roma dello stupefacente necessario. In particolare, la sostanza stupefacente arrivava a Roma, tramite corrieri cinesi, che utilizzavano alternativamente mezzi ferroviari o autovetture a noleggio, ben vestiti per non destare sospetti.

Giunta ai pusher romani, la sostanza veniva consegnata ai vari clienti, anche a domicilio, utilizzando monopattini elettrici, in modo da non destare sospetti ed evitare più agevolmente i controlli da parte delle forze dell’ordine. Tra gli assuntori più abituali figuravano professionisti, anche del mondo universitario, ballerini, medici e sportivi.

Arrivava ai clienti della ‘Roma bene’ la ‘droga dello stupro’, in stile delivery consegnata direttamente in abitazioni nel centro della capitale, in palazzi signorili fra piazza Navona e piazza Venezia.

L’organizzazione era divisa in due gruppi: uno si occupava di rifornire le comunità etniche fra Marconi e Monteverde Nuovo, spacciando principalmente shaboo, mentre l’altro gruppo, con a capo un trentenne italiano, gestiva lo spaccio della Ghb, la ‘droga dello stupro’ per i clienti italiani, disposti a spendere 7-800 euro per 100 ml di stupefacente.

Gli acquirenti inviavano messaggi al pusher chiedendo la droga usando nomi in codice, tra cui ‘Gilda’, ‘Mafalda’ e ‘acqua’ nel caso del Ghb. Tra i clienti, una quindicina quelli individuati dai carabinieri, di cui 8 segnalati come consumatori, a cui veniva consegnato lo stupefacente c’erano, un medico, un professore universitario, un ballerino e un istruttore di arti marziali. La consegna avveniva a domicilio per i clienti, nel periodo in cui era in vigore il ‘coprifuoco’ per l’emergenza Covid. L’inchiesta è scattata in seguito all’arresto di una cinese nell’ottobre 2020 alla stazione Termini scoperta con shaboo per un valore di 20mila euro e durante l’indagine è stata fermata una ragazza davanti palazzo Madama che si occupava anche lei di consegnare la ‘droga dello stupro’.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza