cerca CERCA
Lunedì 30 Gennaio 2023
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

Roma, violenza sessuale in ospedale: arrestato infermiere

01 dicembre 2022 | 16.31
LETTURA: 2 minuti

Il gip: "Quadro indiziario grave e consistente, l'uomo convinto di essere indenne da conseguenze". Il 55enne avrebbe abusato di una tirocinante al Policlinico Umberto I

alternate text

Un “quadro indiziario grave e consistente”. E’ quanto scrive il gip Marisa Mosetti nell’ordinanza di custodia cautelare con cui ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti di un 55enne, infermiere del Policlinico Umberto I di Roma, accusato di violenza sessuale aggravata e lesioni personali aggravate ai danni di una tirocinante all’interno dell’ospedale lo scorso ottobre. Alla misura disposta dal gip si è arrivati dopo le indagini della polizia e dei magistrati del pool antiviolenza coordinati dal procuratore aggiunto Michele Prestipino.

Leggi anche

Secondo quanto ricostruito l’uomo, “figura professionale di riferimento per il tirocinio” della vittima “con l’inganno, in particolare facendole credere di dover somministrare la terapia a un paziente in una stanza isolata” l’ha indotta “a seguirlo e a entrare in una camera buia la cui porta poi l’uomo ha chiuso a chiave” consumando poi la violenza.

“Le dichiarazioni rese dalla persona offesa possono essere apprezzate allo stato come attendibili – sottolinea il giudice - Gli infermieri che si trovavano nel reparto la sera dei fatti hanno reso dichiarazioni del tutto concordanti con quelle della vittima sullo svolgimento della serata”. Il gip evidenzia “l’elevatissima pericolosità della condotta: non solo per il livello estremamente grave di aggressione alla libertà della vittima, ma anche perché il luogo in cui la violenza è stata compiuta e le modalità della stessa, lette insieme alla condotta tenuta dall’indagato dopo il fatto, evidenziano la convinzione dell’uomo di potere rimanere indenne da qualunque conseguenza”.

Nel motivare la decisione di disporre la misura cautelare, il giudice sottolinea come le condotte dell’indagato “fanno temere che simili episodi possano essere reiterati non solo nel luogo del lavoro, del quale come si è detto , l’indagato risulta aver approfittato violando i doveri della propria funzione sanitaria, ma anche al di fuori”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza