cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 13:03
Temi caldi

Sagre: la 'Festa della nocciola' di Bevagna si fa in tre

27 ottobre 2017 | 16.33
LETTURA: 4 minuti

alternate text

A Bevagna torna la 'Festa della nocciola'. L’evento, unico in Umbria, quest’anno sarà particolarmente interessante e si svolgerà in tre differenti momenti: un’anteprima prevista per il 1° novembre, una fase centrale dal 28 dicembre al 31 e il 6 gennaio con la maratonina dei noccioleti, frantoi e cantine. La presentazione della sesta edizione è avvenuta questa mattina, nel palazzo della Provincia di Perugia, alla presenza del vicepresidente dell’ente, Roberto Bertini, dell’organizzatrice, Severina Trabalza Marinucci, del segretario dell’associazione 'La Nocciola di Bevagna', Enzo Meacci, e dell’agronomo Beatrice Marucci.

Nel fare gli onori di casa, Bertini ha voluto sottolineare lo straordinario lavoro delle associazioni, capaci di arricchire il territorio con preziose iniziative. “E’ importante - ha esordito Bertini - che ci siano eventi di qualità proprio come la festa della nocciola. Bisogna puntare su iniziative mirate alla valorizzazione dei prodotti locali, in quanto sono un fondamentale strumento per aiutare la ripartenza turistica, oltre che economica, della regione dopo le grandi difficoltà causate dal sisma”.

Di seguito, l’organizzatrice ha spiegato l’intento della manifestazione che nasce sia per valorizzare il borgo di Bevagna, che questo suo prodotto tipico dal sapore dolce e gustoso, diverso dalle nocciole delle altre regioni. “Possiamo affermare con soddisfazione - ha riferito Trabalza - di aver attenuto ottimi risultati negli anni precedenti. La produzione di nocciole nel territorio e nei comuni della vallata è notevolmente cresciuta e possiamo senza dubbio dire che anche nei prossimi anni ci sarà un aumento degli impianti”.

Nel corso della festa, a tutti coloro che effettueranno una visita al noccioleto verrà regalata una piantina di nocciole da riportare a casa e coltivare sul balcone o in casa come pianta da ornamento, verrà proposto anche l’adozione di un filare di nocciole in un noccioleto della zona. Inoltre, saranno distribuite a scopo promozionale sacchetti di nocciole a tutti i partecipanti come degustazione e in maniera gratuita, grazie al progetto presentato dal Comune di Bevagna a valere sul Psr dell’Umbria.

La festa coinvolgerà l’intero borgo con caratteristici banchi abbelliti dai prodotti tipici del territorio che coloreranno le vie e permetteranno di trascorrere piacevoli momenti ai visitatori. La maggior parte degli esercizi commerciali con entusiasmo ha aderito proponendo iniziative a tema e mettendo a disposizione spazi e collaborazioni, i ristoranti del posto cucineranno piatti tipici a base di nocciole, dall’antipasto al dolce, nei bar si potrà assaporare il caffè alla nocciola, dolci e gelati e i negozi saranno addobbati con nocciole. Sarà una festa della campagna del Km 0, della terra e del lavoro dei campi. Inoltre, verranno organizzati una serie di incontri per far conoscere la nocciola e le sue proprietà alla presenza di personalità del mondo della politica, delle associazioni di categoria e della cultura.

Il primo appuntamento per scoprire e gustare la nocciola di Bevagna è fissato per mercoledì 1 novembre, alle ore 11, con l’incontro dal titolo 'La frutta in guscio nell’alimentazione', preceduto dai saluti del presidente dell’associazione 'La Nocciola di Bevagna', Antonio Pirillo, e delle autorità locali. A seguire, alle ore 12, degustazione di nocciole per tutti i visitatori, alle 15 una passeggiata tra i noccioleti e nel pomeriggio alle 16,30 l’incontro curato da Beatrice Marucci: 'Gli orti e gli alberi di nocciolo: realtà e significato'.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza