cerca CERCA
Giovedì 29 Settembre 2022
Aggiornato: 13:00
Temi caldi

1 / 10
Saldi estivi 2022, il decalogo: sconti e pagamenti, i consigli

01 luglio 2022 | 12.36
LETTURA: 5 minuti

Saldi al via, conservate lo scontrino

Saldi estivi 2022 al via. Dalla Lombardia alla Campania, dal Lazio alla Puglia. Il 2 luglio segna l'inizio della stagione degli 'sconti' da Milano a Roma, dopo l'antipasto della Sicilia che ha già fatto scattare il semaforo verde. Per effettuare acquisti sicuri ed evitare spiacevoli sorprese, ecco il decalogo dell'Unione nazionale consumatori.

Non è vero che i capi in saldo non si possono cambiare. Valgono le regole di sempre. Il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso. Ai fini del ripristino della conformità del bene, le nuove regole del D.Lgs. 4 novembre 2021, n. 170 prevedono che il consumatore può scegliere tra riparazione e sostituzione, purché il rimedio prescelto non sia impossibile o, rispetto al rimedio alternativo, non imponga al venditore costi sproporzionati, tenuto conto di tutte le circostanze e, in particolare, del valore che il bene avrebbe in assenza del difetto di conformità, dell'entità del difetto di conformità e della possibilità di esperire il rimedio alternativo senza notevoli inconvenienti per il consumatore.

Il consumatore ha diritto ad una riduzione proporzionale del prezzo o alla risoluzione del contratto di vendita, ossia a farsi ridare i soldi, nel caso in cui il venditore non ha effettuato la riparazione o la sostituzione; si manifesta un difetto di conformità, nonostante il tentativo del venditore di ripristinare la conformità del bene; il difetto di conformità è talmente grave da giustificare l'immediata riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto di vendita; il venditore ha dichiarato o risulta chiaramente dalle circostanze, che non procederà al ripristino della conformità del bene entro un periodo ragionevole o senza notevoli inconvenienti per il consumatore. Il consumatore non ha il diritto di risolvere il contratto se il difetto di conformità è solo di lieve entità. L'onere della prova della lieve entità del difetto è a carico del venditore.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza