cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 16:46
Temi caldi

Infrastrutture

Salerno-Reggio Calabria, i sindaci: "Calvario finito, per la prima volta tempi rispettati"

27 luglio 2016 | 15.00
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

"E’ una cosa buona, per la prima volta si è riusciti a rispettare l’impegno e i tempi". Così il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, commenta l’inaugurazione del tratto dell’A3 Salerno-Reggio Calabria con il viadotto Italia, alla presenza del premier Matteo Renzi ieri a Laino Castello. "C’è uno svantaggio competitivo nel sud Italia – dice all’Adnkronos - che costituisce una minaccia nei settori strategici come il turismo quindi l’accessibilità è uno dei fattori più importanti dello sviluppo".

DA GOVERNO ATTENZIONE PER CALABRIA - "Il turismo calabrese ha moltissime potenzialità - dice all'Adnkronos il sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo -, alcune espresse e molte altre no, per esprimerle maggiormente è necessario continuare a investire sull'accessibilità alla nostra regione. Questo significa rafforzamento del sistema aeroportuale, miglioramento del sistema ferroviario e autostradale. Il governo Renzi mi pare abbia attenzione su questi temi in Calabria e mi auguro che i tempi siano rapidi affinché gli interventi prendano sempre più concretezza". "Per il resto -aggiunge- molto dipende dalla Calabria, dai calabresi e dalla sua classe dirigente, non possiamo pensare che tutti i problemi vengano risolti dal governo nazionale. Noi dobbiamo fare la nostra parte e il governo nazionale deve fare la sua. Chiudere questo lungo cantiere sulla Salerno-Reggio Calabria, intervenire sul sistema ferroviario, perché è giusto che fino a Reggio Calabria ci siano maggiori treni e soprattutto la velocizzazione della rete, incrementare i voli su Lamezia Terme innanzitutto perché è l'hub calabrese, sono condizioni necessarie ma non sufficienti perché poi la Calabria deve anche metterci del suo".

FINITO UN CALVARIO - "Finalmente sembra sia finito un calvario, qualcosa che sembrava infinito" ha detto il sindaco di Campagna (Salerno), Roberto Monaco. Campagna, comune di poco più di 15mila abitanti della provincia di Salerno e confinante con la provincia di Avellino, è da decenni attraversato da un tratto della A3 e non è raro che, in caso di incidenti o eccessivo traffico in autostrada, soprattutto nei mesi estivi, il traffico si riversi nelle strade del paese. "Quando ci sono incidenti o congestionamenti - spiega il sindaco all'Adnkronos - è chiaro che la viabilità passa attraverso la parte abitata di Campagna. E' successo anche di recente. E' difficile valutare se è un fatto unicamente legato ai lavori in maniera diretta, ma resta il fatto che è davvero auspicabile che il calvario sia finito".

DA RITARDI DEL PASSATO DANNI ANCHE DI IMMAGINE - Nel tratto a ridosso dell'uscita di Eboli (Salerno) i lavori sono terminati anni fa, ma l'inaugurazione del Viadotto Italia della Salerno-Reggio Calabria resta, anche per il Cilento, "un fatto positivo perché i ritardi nei lavori in passato ci hanno danneggiato anche come immagine". La pensa così il sindaco di Eboli, Massimo Cariello. "In passato - dice all'Adnkronos - ci hanno costruito barzellette e battute, sicuramente è un fatto che ha danneggiato l'immagine della bassa Campania, della Basilicata e della Calabria".ù

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza