cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 12:39
Temi caldi

Salute: 3 mln italiani 'stravolti' da primavera, da euforia a spossatezza

21 marzo 2014 | 13.35
LETTURA: 3 minuti

Roma, 21 mar. (Adnkronos Salute) - Euforia, senso di irrequietezza, energia instancabile oppure spossatezza, fiacca e sonnolenza. La primavera è una piccola rivoluzione in grado di stravolgere circa 3 milioni di italiani, "il cui sistema endocrino e ormonale è più sensibile al cambiamento climatico. Attenzione però: si tratta di effetti transitori che non travolgono l'assetto caratteriale. Una situazione ben diversa rispetto a quella sperimentata da circa 3.000 persone, nelle quali questo passaggio può provocare l'emersione di una sintomatologia patologica, dal punto di vista della salute mentale". Lo spiega all'Adnkronos Salute Massimo Di Giannantonio, docente di psichiatria all'università di Chieti, secondo cui in gran parte dei casi la primavera si traduce in una ventata di energia.

"La fine dell'inverno è rigenerante e, dal punto di vista energetico, porta il segno positivo: l'essere umano, anche quello più sensibile, reagisce infatti in coerenza con l'ecosfera. In pratica - spiega lo psichiatra - dopo il lungo letargo, si rimette in campo il ciclo produttivo, e questo dal punto di vista neuroendocrino ed ormonale, alle nostre latitudini equivale a una sferzata di energia. Una ripresa e un risveglio che accomuna tutta la natura". Ci sono però anche persone che odiano la primavera, e non solo per il risveglio delle pollinosi. "Queste persone, con l'arrivo del clima mite e la fioritura, si sentono stanche, fiacche e spossate. Il fatto è che il loro equilibrio ormonale ed elettrolitico è stato 'pompato' oltre misura in inverno, magari a causa di un'attività fisica impegnativa, o dello stress, o di una eccessiva esposizione alla luce magari a causa di un viaggio. Il tutto in una stagione che dovrebbe essere 'di letargo'".(segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza