cerca CERCA
Venerdì 03 Febbraio 2023
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

Salute: esperto, Renzi sveglio all'alba? Se non e' breve dormitore rischia (2)

28 febbraio 2014 | 16.01
LETTURA: 3 minuti

(Adnkronos Salute) - "Il breve dormitore - precisa il medico del sonno - non rischia la salute come invece accade a chi dorme poco per altre ragioni" come ad esempio un problema di insonnia, una vita sregolata o una professione che prevede turni di notte. "Il breve dormitore è in forma pur riposando pochissimo, 4-5 ore a notte o anche meno". Al mattino sta una meraviglia, si alza senza difficoltà e "si mette subito al lavoro con performance ottimali, senza alcun cedimento", pisolino rubato né sieste ristoratrici. E "avendo più tempo degli altri per lavorare - ipotizza Ferini Strambi - può dedicarsi alla carriera con impegno e successo maggiori", e quindi conquistare ruoli di potere come è accaduto con alterni destini ai brevi dormitori 'vip' della storia.

Però c'è anche una seconda possibilità: se Renzi non fosse un breve dormitore per Dna - ma più semplicemente puntasse la sveglia prima dell'alba solo per far fronte a un'agenda fitta di appuntamenti, scadenze e responsabilità, per non deludere le aspettative degli italiani, o ancora per mettere a tacere i suoi detrattori - allora qualche rischio per la salute ci sarebbe, eccome. "I pericoli principali della deprivazione cronica di sonno riguardano il sistema cardiovascolare", ricorda lo specialista. Numerosi studi scientifici associano la mancanza di sonno al rischio di infarto, ictus e ipertensione, ma anche di obesità, ansia o depressione.

Non è tutto: "Chi dorme poco senza essere un breve dormitore - puntualizza l'esperto - non riesce a inibire bene il cortisolo, l'ormone dello stress". Infine, effetto ancora più pericoloso per un presidente del Consiglio da cui il Paese si attende una svolta, "potrebbero risentirne le aree cerebrali anteriori. Le zone appunto che lavorano di più, quelle che si 'accendono' quando si tratta di prendere una decisione". E "mentre un buon recupero fisico dipende soprattutto dalle prime 2-3 ore di sonno - conclude il neurologo - per un buon rendimento cerebrale sono importanti tutte le ore del riposo notturno, comprese quelle del primo mattino". Nel dubbio, insomma, tenere la luce spenta ancora un po' potrebbe essere la soluzione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza