cerca CERCA
Martedì 07 Dicembre 2021
Aggiornato: 04:00
Temi caldi

Salute: Terra fuochi 'eredita' tossica', Nature propone fondi Ue a ricerca (2)

23 aprile 2014 | 10.59
LETTURA: 2 minuti

(Adnkronos Salute) - "La Campania potrebbe essere un campo di studio perfetto per un programma di biomonitoraggio", è convinto Ciliberto, citato nell'editoriale di 'Nature'. E "i precedenti esistono - ricorda la rivista - Uno è la città di Salonicco, nel nord della Grecia, dove i nuovi poveri" figli della crisi economica "hanno iniziato a bruciare biomasse per riscaldare le case, contribuendo allo smog. Un progetto di ricerca dell'Unione europea abbina regolari analisi degli inquinanti atmosferici con analisi delle urine e del sangue di una coorte di persone, con l'obiettivo di determinare quantitativamente come la loro espressione genica, il metabolismo e il profilo proteico cambiano per effetto degli inquinanti entrati nell'organismo".

"L'Italia, in tempi di austerità - si osserva nell'articolo - ha pochi soldi per la ricerca". Ma Ciliberto ha un suggerimento: "Studi del genere - sostiene il direttore scientifico del Pascale - sono programmi che dovrebbero essere sostenuti dai fondi strutturali che la Commissione europea assegna alla Regione". E per Nature l'esperto "potrebbe avere ragione. Queste sovvenzioni ammontano a un totale di 6,9 miliardi di euro (9,6 miliardi di dollari) per la sola Campania nel 2007-13, e la Commissione incoraggia esplicitamente il loro utilizzo per promuovere la ricerca e la capacità di sviluppo locali. Le assegnazioni della prossima tranche di fondi strutturali all'interno dell'Italia (periodo 2014-20) è ancora in discussione". Ma la linea di 'Nature' è che "l'idea di Ciliberto merita di essere presa in seria considerazione". Perché se è vero che "ora i fuochi si sono spenti, le malattie rimangono e vanno studiate. Anche se i dati finali non dovessero essere risolutivi, ne sarà valsa la pena".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza