Cerca
Home . Salute .

Porte aperte ai nonni al Bambino Gesù per la Giornata dei prematuri

In un anno 75 bebè sotto 1.500 g seguiti nella struttura

SALUTE
Porte aperte ai nonni al Bambino Gesù per la Giornata dei prematuri /Foto

Nonna e nipotino al Bambino Gesù di Roma per Giornata della prematurità

Una giornata di visite straordinarie per i neonati pretermine ricoverati nella Terapia intensiva neonatale (Tin) del Bambino Gesù di Roma. Oggi hanno avuto la possibilità di avere accanto non solo i genitori, come accade negli altri giorni dell'anno, ma anche quei familiari come i nonni che di norma non possono andare a trovarli. E' l'iniziativa che l'Ospedale pediatrico del Gianicolo ha voluto realizzare in occasione della Giornata mondiale della prematurità. Nonni, nonne, fratellini e sorelline in corsia insieme ai medici e agli infermieri che ogni giorno si prendono cura di questi piccoli pazienti particolarmente fragili e delicati. (Foto)


Oggi si stima che oltre il 98% dei nati prematuri non abbia problemi né complicazioni. In alcuni casi, però, possono essere soggetti a patologie respiratorie, neurologiche, cardiovascolari, metaboliche, a problemi di suzione e alimentazione. Lo scorso anno nel Dipartimento di Neonatologia medica e chirurgica del Bambino Gesù sono stati assistiti 75 nati con un peso inferiore a 1.500 grammi con problematiche mediche e chirurgiche, seguiti tutti in follow up nei primi anni di vita.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.