Home . Salute . Maker Faire Roma, malattie ko con nuove app e dispositivi

Maker Faire Roma, malattie ko con nuove app e dispositivi

SALUTE
Maker Faire Roma, malattie ko con nuove app e dispositivi

Kit diagnostico 'Vira'

Un dispositivo indossabile per l'autopalpazione del seno attraverso imaging tattile. Un'app per controllare la casa tramite il movimento degli occhi, pensata per le persone che soffrono di disabilità motorie. Giochi interattivi per ragazzi che soffrono di disturbi dello spettro autistico e ipovedenti. Uno strumento per visualizzare i valori glicemici online, in tempo reale e da remoto, utile per i genitori che devono monitorare i figli diabetici. Sono alcune delle invenzioni di giovani ricercatori che saranno presentate alla sesta edizione del 'Maker Faire Rome ' in programma nella Capitale dal 12 al 14 ottobre. Partecipano scienziati, in erba e meno, provenienti da 25 università e centri di ricerca, 55 invece le scuole selezionate.


Brillanti inventori che avranno la possibilità di mostrare le loro creazioni innovative in tema di salute, benessere, medicina e robotica. 'Palpreast' è un dispositivo indossabile per l'autopalpazione del seno, attraverso imaging tattile. Semplice da utilizzare, sicuro, e che può essere usato da tutte le donne in totale autonomia. "Il dispositivo utilizza un tessuto con sensori di pressione integrati che si adatta alle diverse forme del seno. Poiché i noduli sono molto più rigidi del tessuto mammario, la loro presenza può essere rilevata attraverso un sistema di gonfiaggio che applica la pressione dall'esterno. Il risultato sarà visualizzabile su un'interfaccia grafica appositamente sviluppata. 'Palpreast' risulta facile da usare, è sicuro e può essere utilizzato da tutte le donne in totale autonomia", sottolinea il team di sviluppatori del Centro di ricerca E.Piaggio di Pisa.

Si chiama 'Helfy' (Help For You), è il braccialetto che invia richieste di aiuto per le persone anziane in difficoltà all'interno delle loro abitazioni. Dotato di un grande pulsante, premuto invia tramite wi-fi richiesta di aiuto ai parenti, sia sotto forma di email che tramite chiamata telefonica. I parenti, una volta allertati potranno vedere cosa sia realmente successo tramite il sistema di videosorveglianza associato. Questo permetterà al server 'controllo casa' di ricevere la richiesta di aiuto e tempestivamente informare i parenti. La richiesta di aiuto verrà sia inoltrata sotto forma di email che tramite chiamata telefonica. Il braccialetto è fatto di stagno e quindi utilizzabile anche durante il bagno da parte della persona anziana. La durata della batteria è di circa 1 anno. 'Helfy' è stato progettato da un team di ingegneri informatici ed elettronici.

Giochi interattivi, intelligenti e personalizzati per soggetti che soffrono di disturbi dello spettro autistico, ipovedenti o con disabilità motoria. "Tali attività catturano e analizzano la performance dell'utente al fine di produrre un report digitale". 'Estro' è una startup genovese che si occupa di tecnologie per la teleriabilitazione di soggetti che soffrono di disturbi dello spettro autistico, ipovedenti o con disabilità motorie. "Abbiamo iniziato a lavorare al progetto nel gennaio 2018 e siamo felici di poter presentare il nostro prodotto alla Maker Faire Rome", sottolineano gli sviluppatori. La soluzione presentata ha lo scopo di aiutare le persone a riabilitarsi in autonomia, in maniera efficace, divertente e in un luogo non ostile. Inoltre le attività proposte possono essere fruite a casa, ogni giorno e per quanto tempo si desidera, riducendo i costi di riabilitazione e annullando completamente le liste di attesa.

'DeeBee.it - Innovazione e diabete' visualizza i valori glicemici online, in tempo reale e in remoto, gratuitamente. Consente al genitore di valutare il bambino diabetico e di frequentare la scuola in sicurezza. "Pensate a un piccolo paziente, con continue crisi ipoglicemiche. Come può andare a scuola senza continui controlli della glicemia? Se una volta non era possibile, oggi lo è ed è alla portata di tutti grazie a un progetto rivoluzionario - spiega Fabrizio Casellato, presidente di DeeBee Italia - Per esempio, il papà in ufficio e con la figlia (diabetica) all'asilo nido, ora può vedere in tempo reale sul suo smartwatch, e sul suo pc, la glicemia. E intervenire, chiamando l'istituto e dicendo di somministrare zucchero di caso di ipoglicemia. Senza questa tecnologia, non potrebbe lavorare e dovrebbe stare a casa con la figlia".

'Vira' è un kit diagnostico che permette, tramite un esame salivare istantaneo, di determinare la presenza del papilloma virus umano. "L'innovazione del test permette di effettuare la diagnosi tramite il prelievo di una minima quantità di saliva ed è in grado di fornire alla paziente una risposta in tempo reale. Il progetto si caratterizza per due componenti: una cartuccia monouso sterilizzata, dedicata al prelievo del campione biologico e un device, destinato alla lettura dello stesso", così lo descrive Martina Frausin, creatrice di 'Vira' che collabora con lo 'spin-off universitario' New Design Vision dell'Università Iuav di Venezia.

In futuro si potrà controllare la domotica di casa tua attraverso uno sguardo. E' la promessa di 'SmartEyes', un'app per smartphone che permette di controllare la casa tramite il movimento degli occhi dell'utente. "L'app è pensata soprattutto per le persone che soffrono di qualsiasi tipo di disabilità motorie, che non potendo muoversi, o solo parzialmente - spiega Lorenzo Riggi, 20 anni e studente del Politecnico di Torino del corso di Ingegneria elettronica, l'inventore dell'applicazione - possono grazie a quest'app compiere le azioni più semplici in casa, come regolare il termostato o cambiare canale alla televisione, con un semplice 'sguardo' al loro smartphone".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.