Cerca
Home . Salute .

La guerra del termostato, donne più produttive al caldo

Nuovo studio svela divario di genere su clima, lui ragiona meglio al freddo, lei quando temperatura aumenta

SALUTE
La guerra del termostato, donne più produttive al caldo

(Fotogramma)

Lui, lei e l'aria condizionata. E' una vera 'guerra fredda' quella che si consuma negli uffici e nelle case di tutto il mondo. Il più delle volte il fronte di chi la vorrebbe spenta, o quantomeno non settata su temperature polari, è tutto al femminile. E scatta un gioco di ordini e contrordini inviati alla centralina climatica a colpi di clic sul telecomando. Ma se le quote rosa si accaniscono nella battaglia del termostato un motivo c'è e lo svela la scienza, suggerendo che forse per il bene della produttività delle impiegate vale la pena non sottovalutare la questione: le donne, è la conclusione dei ricercatori, ragionano meglio al caldo. I loro punteggi, rileva un nuovo studio, sono migliori nelle stanze più riscaldate.


Questo spiegherebbe anche la dipendenza rosa da lana e maglioni, 'must have' da avere sempre a portata di mano, nascosti in borsa per ogni evenienza. Precedenti lavori scientifici hanno persino suggerito che chi ha pensato le temperature nei luoghi di lavoro decenni fa, su misura per il comfort dell'uomo, può aver sovrastimato la produzione di calore corporeo delle donne - penalizzate forse da un metabolismo più lento - del 35%. Ma la domanda a cui risponde il nuovo studio pubblicato su 'Plos One' e rimbalzato anche sul 'New York Times' è un'altra: i gradi influiscono in modo diverso sulla produttività di lui e lei? Sì, secondo quando appurato dagli autori, Tom Y. Chang della Usc Marshall School of Business di Los Angeles (Usa), e Agne Kajackaite del Wzb Berlin Social Science Center di Berlino (Germania).

I ricercatori hanno chiesto a più di 500 studenti universitari di fare dei test - problemi matematici e logici - per un'ora in stanze con la colonnina al mercurio impostata prima sul freddo e poi sul caldo. A temperature più basse, gli uomini hanno ottenuto punteggi più alti rispetto alle donne in alcuni dei test (per esempio matematici). Ma man mano che una stanza si faceva più calda, i risultati femminili aumentavano significativamente. "Quindi c'è questo divario di genere - ragiona Kajackaite - Ma poi quando la temperatura aumenta scompare" nel test di matematica, e le donne superano gli uomini sul test verbale.

Le evidenze emerse dallo studio richiedono ulteriori conferme, puntualizzano gli scienziati, ma suggeriscono la necessità di valutare un ripensamento scientifico degli spazi lavorativi e di studio, sulla base di nuovi ulteriori parametri.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.