Cerca
Home . Salute .

Al via 'A tutta vita', per imparare a scuola stili di vita sani

SALUTE
Al via 'A tutta vita', per imparare a scuola stili di vita sani

(Afp)

Un’iniziativa per sensibilizzare i ragazzi nelle scuole sull’importanza delle buone abitudini alimentari e sui sani stili di vita. Si chiama 'A tutta Vita' ed è il progetto educativo ideato da Medtronic, azienda leader di dispositivi medici, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione e l’Università degli Studi di Milano per sensibilizzare i giovani su quanto il benessere psicofisico sia strettamente collegato alle abitudini alimentari e comportamentali e per promuovere corretti stili di vita volti a migliorare la salute, ridurre patologie croniche e dipendenze, contribuendo così al raggiungimento di una comunità sempre più sana, attiva e responsabile.


Corretta alimentazione, passione, talento, empatia, sport, sono solo alcuni dei temi ricorrenti della campagna per promuovere il progetto che parte oggi, rivolta agli alunni delle scuole secondarie di I e II grado, dai 13 ai 16 anni. 'A tutta Vita' si basa sul ruolo fondamentale della scuola e della famiglia nello sviluppo di una nuova cultura della salute e una nuova educazione al benessere come diritto e anche dovere. Il progetto prevede inoltre un torneo interscolastico online, una vera e propria sfida a quiz virtuale tra i partecipanti. La classe vincitrice riceverà un premio costituito da materiale tecnologico per la scuola.

Per sollecitare la curiosità dei ragazzi e renderli più consapevoli e responsabili, nella scelta dei propri stili di vita e nell’adozione di sani comportamenti alimentari, si è scelto di utilizzare un linguaggio semplice e immediato e uno strumento virtuale, vale a dire una piattaforma, dove sarà possibile scaricare un kit educativo multimediale dinamico e versatile. Uno strumento che potrà essere utilizzato sia a scuola con gli insegnanti sia a casa grazie all’e-book creato come supporto per le famiglie.

Gli argomenti trattati nel kit multimediale sono: l’importanza di una sana alimentazione per vivere meglio e prevenire alcune patologie; le dipendenze da sostanze, dedicato ai rischi associati all’uso di sostanze psicotrope, con particolare riferimento a quelle spesso non ritenute tali e tanto diffuse tra i giovani di oggi, come l’alcol e il fumo; e le dipendenze 3.0, quelle tecnologiche, oggi molto diffuse con la conseguente pericolosa inversione delle dinamiche relazionali che la fase web 3.0 ha generato. Tutto ciò in linea anche con le nuove Linee guida del ministero dell’Istruzione per l’insegnamento dell’Educazione Civica e con gli obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Il kit è uno strumento in grado di coniugare simbologie e stimoli visivi e sonori a registri stilistici tipici della comunicazione giovanile. Un supporto di chiaro valore educativo, per andare incontro alle esigenze psico-pedagogiche dei ragazzi, esortandoli alla riflessione e debellando prese di posizione basate su una scarsa conoscenza dell’argomento. La piattaforma e il kit multimediale sono stati sviluppati da Civicamente, da sempre molto impegnata in progetti educativi con il ministero, e sono strumenti pedagogici innovativi in grado di generare consapevolezza, indurre i ragazzi all’adozione di comportamenti consapevoli e aumentare la conoscenza sulle tematiche della campagna.

"Migliorare la qualità della vita delle persone favorendo abitudini e stili di vita più sani e virtuosi è la nostra Missione scritta nel 1960 dal nostro fondatore Earl Bakken - dice Michele Perrino, presidente e Amministratore delegato di Medtronic Italia - Con questo intento abbiamo deciso di sviluppare questo progetto rivolto ai giovani, che sono il futuro della nostra società, per valorizzare le loro potenzialità, sensibilizzarli e renderli più responsabili su temi così importanti come l’adozione di sani abitudini alimentari e comportamentali e prevenire l’impatto di tutte quelle malattie croniche che sempre più pesantemente affliggono le nostre comunità".

"Crediamo nell’importanza di creare, sin dalle più giovani generazioni, la cultura dei corretti stili di vita, della prevenzione di patologie dettate da scorretti comportamenti alimentari e comportamentali come per esempio l’obesità e alcune malattie metaboliche, cardiovascolari e tumorali - spiega Michele Carruba, presidente del Csro dell’Università degli Studi di Milano - È per questa ragione che abbiamo deciso di collaborare per la realizzazione di questo progetto, che proprio per il suo taglio digitale e i suoi contenuti basati su evidenze scientifiche è oggi più che mai attuale e di supporto al mondo scolastico".

"Per il ministero dell’Istruzione sensibilizzare i giovani sullo sviluppo sostenibile e orientarli verso corretti stili di vita è una priorità - spiega Anna Brancaccio, dirigente della Direzione generale per gli Ordinamenti scolastici e per la valutazione del sistema nazionale di istruzione - In questo modo creiamo nuove competenze di cittadinanza attiva sul benessere e la salute. Il progetto è finalizzato a fornire ai docenti un percorso didattico gratuito sul tema dei corretti stili di vita per le nuove generazioni, coerentemente con gli obiettivi 3 e 4 dell’Agenda 2030 dell’Onu per lo sviluppo sostenibile, e al coinvolgimento degli studenti attraverso attività di gamification".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.