Ora legale: il pediatra, 100 mila bimbi scombussolati, trucchi per adattarsi (2)

FARMACEUTICA

(Adnkronos Salute) - Prima raccomandazione: portare i piccoli all'aria aperta. Fuori, infatti, fanno esercizio fisico, si distraggono, si stancano. E il sonno la sera arriva più facilmente. "I nuovi orari - spiega il medico - espongono i piccoli, ma anche un 3% di adulti, al rischio di insonnia notturna e sonnolenza di giorno. Dunque è importante non andare a letto troppo presto o quando ancora non si ha sonno". Contro l'effetto ora legale l'errore più diffuso fra le mamme e i papà è "proprio quello di far finta di niente, mandando i bimbi a letto come al solito".


Secondo l'esperto, invece, quest'anno basterà guardare gli occhi del bimbo. "Se si chiudono, vuol dire che è stanco ed è pronto a dormire. Il mattino dopo, poi, non si dovrebbe alzare troppo presto: così recupererà un po' e il piccolo riadatterà più facilmente il proprio ritmo circadiano al nuovo orario - spiega l'esperto - Certo, lunedì si va a scuola, dunque non si potrà poltrire. Meglio evitare sonnellini pomeridiani per i più grandicelli: altrimenti il bimbo faticherà ad addormentarsi e si svegliera' sempre un'ora prima rispetto al resto della famiglia". Un sistema, questo, che eviterà ai genitori di dover cronometrare l'ora della nanna e "in tre-quattro giorni consentirà un adattamento alla maggior parte dei piccoli", assicura il pediatra.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.