Home . Salute . Farmaceutica . Farmaci: Piovella (Soi), sentenza Antitrust rimette le cose a posto

Farmaci: Piovella (Soi), sentenza Antitrust rimette le cose a posto

FARMACEUTICA

Roma, 5 mar. (Adnkronos Salute) - "La sentenza dell'Antitrust rimette le cose a posto su chi ha competenza tecnico scientifica sulla valutazione dell'efficacia dei farmaci utilizzati per curare i pazienti. La Società oftalmologica italiana (Soi) fin dal 2007 ha dimostrato e diffuso la certificazione di equivalenza sia per sicurezza che per efficacia terapeutica dei due farmaci per la cura delle maculopatie Avastin e Lucentis". E' quanto afferma il presidente Soi, Matteo Piovella, dopo la sanzione dell'Antitrust a Roche e Novartis, in merito alla commercializzazione di Lucentis e Avastin.

"Incredibilmente - aggiunge Piovella - Aifa si è fatta sostenitrice della tesi falsa sostenuta da Roche e Novartis circa la pericolosità di Avastin. Di fatto da un anno le azioni di Aifa hanno bloccato l'utilizzo di Avastin in Italia che prima era utilizzato nel 90% dei casi. Oggi la sentenza di un tribunale, perché l'Antitrust è un vero tribunale, rimette le cose a posto ed obbliga Soi a reiterare a gran voce la richiesta di un commissariamento di Aifa per ripristinare la piena legittimità di utilizzo di Avastin sul territorio nazionale così come avviene in tutto il mondo USA, Germania e Giappone inclusi. Lo dobbiamo ai 100.000 pazienti che oggi sono esclusi dalle cure a causa dell'impossibilità degli ospedali italiani di rifornirsi di Lucentis".

Piovella chiede inoltre "l'immediato intervento del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, perché in armonia alle sue funzioni istituzionali evochi a sé un intervento immediato capace di superare la criticità che si sta svolgendo sulle spalle di tutti i pazienti affetti da maculopatia". Il presidente Soi esprime quindi "apprezzamento alla professionalità, capacità, efficienza ed efficacia mostrate dall'Antitrust". E rivolge "un ringraziamento all'ufficio legale Soi coordinato dall'avvocato Raffaele La Placa per l'eccellente lavoro svolto".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.