Cerca

Animali: mai piu' senza pet, per 90% padroni 'curano' umore e famiglia

Rapporto, antidoto ad ansia da crisi e a baby-dipendenza da videogame

FARMACEUTICA

Milano, 27 mag. (Adnkronos Salute) - Un animale in casa? Mai più senza. La pensano così oltre 9 italiani su 10 proprietari di un pet, che assicurano di non poter più fare a meno della presenza di un quattrozampe dentro e fuori le mura domestiche, in vacanza o nei momenti di svago. Il risultato dell'ultimo Rapporto Assalco-Zoomark ha i numeri di un plebiscito: il 91% degli intervistati in una ricerca a corredo del Report (458 connazionali padroni di cani e gatti, per il 76% donne) ritiene l'animale il collante che tiene unita la famiglia, trasmettendo a tutti gioia, buonumore e serenità (lo dice il 94%), e smorzando tensioni e litigi (84%). E per altrettanti il pet è un antidoto alla crisi: nei momenti di difficoltà la compagnia di un animale allevia le preoccupazioni e tira su il morale (91%), aiutando a distrarsi e a sentirsi meglio anche in questo periodo di incertezza economica (90%). Una 'medicina' infallibile per gli anziani e per i bambini: anche i nativi digitali preferiscono gli animali ai videogame. Parola del 55% dei genitori.


Dalla fotografia scattata da Iri Information Resources per il Rapporto Assalco-Zoomark 2014, emerge che il 90% degli intervistati si occupa personalmente del 'cucciolo' di casa senza delegare il compito a nessuno. Secondo l'87% dei proprietari la presenza di un animale contribuisce a passare più tempo in famiglia. I cani, in particolare, stimolano a una vita più attiva, all'aria aperta.

Ancora: l'88% consiglierebbe a una famiglia con bambini di adottare un pet, perché ritiene che crescere con un animale stimoli la capacità di socializzazione ed educhi i più piccoli al rispetto e alla responsabilità. E il 97% raccomanda la compagnia di un quattrozampe agli anziani, nella convinzione che li incoraggi a restare attivi e a mantenersi giovani sia fisicamente che mentalmente, favorendo la socializzazione (99%). (segue)



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.