Home . Salute . Medicina . 'The Imitation Game' contro il cancro

'The Imitation Game' contro il cancro

MEDICINA
'The Imitation Game' contro il cancro

(Fotogramma)

Dai libri di storia alla corsia, passando per il grande schermo e l'esame della scienza. L'opera di crittoanalisi di Alan Turing, il matematico inglese che negli anni '40 del secolo scorso riuscì a interpretare il 'codice Enigma' usato dai nazisti per scambiarsi messaggi cifrati durante la Seconda Guerra mondiale, potrebbe aiutare a migliorare la diagnosi del cancro e di altre malattie.

L'approccio escogitato dal primo hacker della storia, raccontato anche al cinema nel film 'The Imitation Game' del 2014, è finito infatti sotto la lente di un gruppo di scienziati dell'università di Edimburgo. In uno studio pubblicato sulla rivista 'Statistical Methods in Medical Research', i ricercatori spiegano come il lavoro di Turing possa rivelarsi utile a valutare l'efficacia delle tecniche diagnostiche. Colmando una lacuna importante, visto che "oggi - ricorda l''Independent' - l'accuratezza dei test viene misurata con metodi statistici sviluppati negli anni '80, non in grado di comprendere quanto realmente un'analisi riesca a definire il rischio individuale di sviluppare una patologia".

Nel decidere la strategia migliore per 'craccare' Enigma, Turing si è basato sull'esame dei cosidetti pesi dell'evidenza che permettono di stabilire i risultati più probabili in una determinata situazione. Secondo gli studiosi dell'Usher Institute of Population Health Sciences and Information dell'ateneo scozzese, lo stesso principio potrebbe contribuire alla messa a punto di nuovi test diagnostici e di trattamenti personalizzati.

"La maggior parte degli esami attualmente disponibili per identificare le persone ad alto rischio di cancro" o ad esempio "di malattie cardiache - afferma Paul McKeigue dell'università di Edimburgo - restano distanti dagli standard che potremmo sperare di raggiungere". Ma "la nuova era della medicina di precisione sta emergendo e questo metodo - è convinto l'autore - dovrebbe rendere più facile per i ricercatori e le agenzie regolatorie decidere quando utilizzare un nuovo test diagnostico".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.