In Italia 240 mila morti per 'crack' cuore, torna 'Cardiologie aperte

L'iniziativa, 150 reparti aperti dal 9 al 17 febbraio per screening gratuiti

MEDICINA
In Italia 240 mila morti per 'crack' cuore, torna 'Cardiologie aperte

Riparte, da oggi al 17 febbraio, 'Cardiologie aperte': oltre 150 strutture offrono in tutta Italia screening gratuiti alla popolazione. "Partendo dal fatto che in Italia ogni anno si registrano 240 mila morti per malattie cardiovascolari, anche quest'anno abbiamo l'obiettivo di sensibilizzare la popolazione sulla prevenzione", lo spiega all'Adnkronos Salute Michele Massimo Gulizia, presidente della Fondazione per il tuo cuore che promuove, insieme all'Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri (Anmco), l'iniziativa 'Cardiologie aperte'. L'iniziativa viene presenta oggi a Catania nella sede della presidenza della Regione Sicilia.


"Oltre il 40% dei decessi per tutte le cause nella fascia d'età 35-75 anni è dovuto a patologie cardiache - aggiunge Gulizia - nel 51% dei casi si tratta di uomini e nel 37% di donne. Saremo sul campo, da Biella a Gela, con oltre 150 cardiologie pronte a dare informazioni, con opuscoli e schede, e fornire visite gratuite". La Fondazione per il tuo cuore ha promosso 'Bancomheart', un passaporto per la salute del cuore con esami e screening in un'unica banca dati accessibile con un bancomat. "Oggi siamo arrivati a quota 41 mila 'bancomat del cuore' distribuiti in tutta Italia", ricorda Gulizia. La card permette di accedere ad un portale personale dove sono conservati e aggiornati elettrocardiogrammi, valori della pressione arteriosa, le patologie sofferte e le terapie praticate".

"Gli screening servono non solo a verificare se la pressione è alta - osserva Gulizia - o se il soggetto ha una aritmia 'benigna' o una fibrillazione atriale in età avanzata, ma a far capire che occorre seguire le indicazioni terapeutiche del medico, nello specifico il cardiologo. Dai dati estrapolati dal progetto 'Bancomheart' è emerso che gli italiani maschi tra i 18 e i 40 anni hanno una prevalenza di fibrillazione atriale 4 volte più alta" della media della popolazione generale.

L'iniziativa punta anche sui ragazzi. Pochi giorni fa un 14enne di Napoli si è accasciato improvvisamente mentre giocava a calcetto ed è morto in seguito ad un arresto cardiaco. "Fare un Ecg anche ai ragazzi può salvare loro la vita - ricorda il presidente di Fondazione per il tuo cuore - L'occhio esperto dello specialista è in grado di scoprire la presenza di patologie maligne che covano e magari sono ereditarie. Poi - conclude - è fondamentale che le famiglie e i ragazzi conoscano i fattori di rischio ed imparino a contrastarli".

OCCHIO AL COLESTEROLO CATTIVO Parte dunque in tutta Italia la decima edizione della Campagna nazionale per il Tuo cuore 2019 per la prevenzione alle malattie cardiovascolari. E nel giorno del debutto gli esperti ricordano agli italiani l'importanza della prevenzione e del controllo del colesterolo 'cattivo' per un cuore sano. "Il lavoro di Anmco quest'anno si concentra in particolar modo sulla sensibilizzazione rispetto ai valori lipidici del colesterolo Ldl, noto anche come 'colesterolo cattivo'", dichiara Domenico Gabrielli, presidente nazionale Anmco e direttore della U.O. di Cardiologia dell’Ospedale Civile Augusto Murri di Fermo.

"Anche per questa edizione - aggiunge - sono previste tante iniziative in tutte le città che hanno aderito alla Campagna, molte delle quali rivolte alla prevenzione e all’educazione a un corretto stile di vita che permetta di avere un cuore sano". Dal 9 al 17 febbraio oltre 150 Cardiologie sul territorio nazionale apriranno gratuitamente le porte al cittadino per sensibilizzare la popolazione sul tema della prevenzione cardiovascolare. Sono previsti per l’occasione screening cardiologici personalizzati, divulgazione di materiale informativo, dibattiti con gli esperti e attività di educazione sanitaria. L'elenco delle Cardiologie aderenti alla Campagna è disponibile sul sito: www.periltuocuore.it. La Campagna per il Tuo cuore 2019 sarà attiva anche sui social con l’hashtag #periltuocuore2019. Durante la settimana 'per il Tuo cuore' e per tutto l’anno, è inoltre possibile sostenere le attività di ricerca e prevenzione delle malattie cardiovascolari della Fondazione. Per conoscere le diverse modalità di donazione: www.periltuocuore.it.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.