Cerca

Scoperta nuova forma di demenza che 'mima' Alzheimer

MEDICINA
Scoperta nuova forma di demenza che 'mima' Alzheimer

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Scoperta una nuova malattia neurodegenerativa che colpisce gli anziani e 'mima' l'Azlheimer, causando un elevato numero di diagnosi non corrette. E' il risultato della ricerca, pubblicata su 'Brain', frutto di una collaborazione internazionale tra scienziati. La patologia è stata descritta come Late o 'Limbic-predominant age-related TDP-43 encephalopathy'. Il lavoro scientifico vede coinvolti: il Southwest Medical Center dell'Università del Texas, il Rush University Medical Center, l'Università di Cambridge (Gb), l'Università del Kentucky. Gli scienziati della Mayo Clinic hanno contribuito a stabilire il nome di questa malattia del cervello. Fino a un terzo dei presunti casi di Alzheimer potrebbe esser causato dalla condizione ora individuata.


"'Late' è una condizione prevalente ma non riconosciuta negli anziani - afferma Dennis Dickson, neuropatologo della Mayo Clinic - Abbiamo studiato la proteina TDP-43 per molti anni, ma ora abbiamo un obiettivo comune da raggiungere e su cui vogliamo sensibilizzare i clinici. 'Late' deve essere riconosciuta e per il bene dei pazienti non va scambia per la malattia di Alzheimer".

A causare la nuova malattia, è l'accumulo della proteina TDP-43 nel cervello, una condizione che è presente in ben 1 anziano su 5 dopo gli 80 anni. Il nuovo studio evidenzia che questo processo porta ad alterazioni della memoria e delle abilità cognitive simili all'Alzheimer, ma che avvengono più lentamente. "Questa patologia è stata sempre presente, ma la riconosciamo ora per la prima volta", sottolinea Pete Nelson, dell'Università del Kentucky.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.