Cerca

Ricerca italiana sbanca in Usa, 15 giovani oncologi premiati all'Asco

Tra prime volte e molti 'veterani' i nostri scienziati tra i 'top'

MEDICINA
Ricerca italiana sbanca in Usa, 15 giovani oncologi premiati all'Asco

(MASSIMO ALBERICO, MILANO - 2014-01-09) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Di Francesco Maggi


Giovani scienziati italiani che si fanno valere all'estero per le loro ricerche sul cancro. Quest'anno al congresso annuale dell'Asco (American society fo clinical oncology), che si terrà a Chicago dal 31 maggio al 5 giugno, saranno premiati 15 scienziati - 6 le donne - che lavorano in Italia o in Usa per trovare nuove armi contro i tumori. A loro saranno attribuiti i 'Merit Award' della Conquer Cancer Foundation dell'Asco. In tutto sono oltre 120 i premiati per il 2019. Lo scorso anno furono 11 gli oncologi italiani 'under 35' premiati.

Al secondo 'Merit Ward' è Francesca Battaglin, ricercatrice dell'Istituto oncologico Veneto-Irccs, dopo il riconoscimento già ricevuto nel 2018. Sta lavorando sulle variazioni genetiche nel tumore del colon, ed è attualmente al lavoro al Norris Comprehensive Cancer Center della Keck School of Medicine di Los Angeles. Secondo Award anche per Paolo Strati, oncoematologo dell'Anderson Cancer Center di Houston, mentre a Vincenza Conteduca e Daniele Rossini viene attribuito il premio per la terza volta consecutiva. La prima è ricercatrice dell'Istituto dei tumori di Meldola (Forlì) ma attualmente è attiva al Dana-Farber Cancer Institute di Boston con studi sulle neoplasie della prostata, mentre Rossini è oncologo all'azienda ospedaliera di Pisa, specialista in tumori colorettali.

Premi speciali 'Merit Award' per due oncologi italiani 'under 35': ad Alberto Puccini, già premiato nel 2018 con il riconoscimento per i giovani scienziati, è assegnato quest'anno il 'Loxo Oncology Endowed Merit Award'. Puccini lavora alla Keck School of Medicine dell'University of Southern California. A Matteo Lambertini, del Policlinico San Martino-Università di Genova, è assegnato il 'Sherwin Family Endowed Merit Awards'. Lambertini è un 'veterano' del Merit Award, le sue ricerche si concentrano sul tumore del seno nelle giovani donne e, in particolare, a studiare gli effetti della gravidanza.

Gli altri italiani premiati con il Merit Award 2019 sono Marco Bandini, specialista in tumori prostatici all'ospedale Vita-Salute San Raffaele; Maria Alessandra Calegari dell'oncologia medica della Fondazione policlinico universitario Gemelli Irccs; Antonio Di Meglio, specialista in carcinoma mammario all'Institut Gustave Roussy di Parigi; Brunella Di Stefano, della Fondazione policlinico universitario Gemelli Irccs; Roberto Ferrara, dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano; Federica Marmorino e Gemma Zucchelli, ricercatori del Dipartimento di ricerca traslazionale dell'Azienda ospedaliera universitaria Pisana; Biagio Ricciuti, ricercatore in genomica al Dana Farber Institute, e David James Pinato, dell'Imperial College di Londra laureato all'università del Piemonte Orientale 'A. Avogadro'.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.