Cerca

Settimana del Diabete: a novembre consulti gratis in 40 centri italiani

In Italia 3 milioni di pazienti, ma un milione e mezzo non sa di averlo

MEDICINA
Settimana del Diabete: a novembre consulti gratis in 40 centri italiani

Immagine di archivio (Fotogramma)

Dal 9 al 13 novembre 2020 si terrà la Settimana del Diabete, la campagna di sensibilizzazione rivolta alle persone con diabete di tipo 2 che grazie al numero verde 800 042747, attivo da oggi, potranno prenotare una consulenza informativa specialistica gratuita in uno dei circa 40 centri italiani che hanno aderito all' iniziativa. L’elenco aggiornato è consultabile su www.settimanadeldiabete.it.


L’iniziativa - illustrata oggi in una web conference da Roma - è promossa su tutto il territorio nazionale da Diabete Italia Onlus con il patrocinio e il coinvolgimento della Società italiana di diabetologia (Sid), dell’Associazione medici diabetologi (Amd), della Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg) e realizzata in partnership con AstraZeneca e prenderà vita a ridosso della Giornata mondiale del diabete che si celebra il 14 novembre. La fruizione delle consulenze della Settimana del Diabete non comporta priorità per la prenotazione di visite diabetologiche o prestazioni diagnostiche successive, che dovranno essere poi prenotate secondo le modalità previste dalle autorità sanitarie locali.

Nel mondo sono circa 425 milioni le persone che vivono con il diabete e, solo nel nostro Paese, si stima siano oltre 3 milioni i pazienti diagnosticati cui si aggiunge un sommerso di circa un milione e mezzo di persone affette dalla malattia senza saperlo. Numeri impressionanti che non si possono sottovalutare, il diabete continua ad essere una malattia ancora molto diffusa e spesso troppo ignorata. Il diabete di tipo 2 è la forma più diffusa, riguarda oltre il 90% dei casi, ed è una patologia cronica caratterizzata da un eccesso di zuccheri nel sangue, iperglicemia, che può causare frequenti complicanze cardiovascolari e renali, precoci e spesso fatali, come lo scompenso cardiaco e l’insufficienza renale.

"Il progetto nasce proprio dall’esigenza di rispondere ad un bisogno importante di conoscenza di molti soggetti affetti da diabete di tipo 2 – commenta Agostino Consoli, presidente eletto della Sid –. Molte persone con diabete non sono fino in fondo consapevoli della gravità di questa malattia, né degli importanti passi avanti compiuti nella gestione della malattia. La campagna di comunicazione della Settimana del Diabete pone i bisogni del paziente al centro e veicola un messaggio educativo importante: il diabete è una malattia cronica ed è fondamentale che i pazienti si prendano a cuore la propria patologia”.

Lo scompenso cardiaco è una delle complicanze più precoci nei soggetti con diabete di tipo 2, per i quali rappresenta la prima causa di ospedalizzazione nel nostro Paese, associata purtroppo ad una elevata mortalità a 5 anni dalla diagnosi. Inoltre circa il 40% dei pazienti diabetici sviluppa nefropatia che quando si manifesta è spesso in una fase troppo avanzata per poter agire.

"Queste complicanze impattano fortemente sulla qualità di vita dei pazienti - afferma Paolo Di Bartolo, presidente Amd – e la prevenzione rappresenta uno strumento fondamentale per contrastarle. La sfida di oggi, infatti, non è la cura della malattia conclamata ma una sua corretta gestione per prevenire tempestivamente le complicanze nei numerosissimi pazienti che presentano almeno un fattore di rischio, come l’ipertensione, l’abitudine al fumo o dislipidemia. Il controllo medico diventa quindi parte integrante della terapia e la collaborazione dei pazienti diabetici nel richiedere una consulenza costante risulta importantissima".

In quest’ottica di prevenzione entra in gioco il medico di medicina generale: a lui il compito di identificare quei pazienti per i quali è necessaria una consulenza specialistica. La presa in carico a quattro mani, tra diabetologi e medici di famiglia, rappresenta la base della collaborazione su cui costruire modelli virtuosi di presa in carico del paziente.

"La gestione integrata del paziente cronico è importante - dichiara Gerardo Medea, responsabile nazionale Area metabolica della Simg - ma è necessario facilitare il percorso di cura del cittadino. Ad oggi, purtroppo, la prescrizione di farmaci innovativi che riducono le complicanze cardiovascolari e renali è permessa solo agli specialisti diabetologi, creando spesso una situazione di discriminazione inaccettabile tra i diversi pazienti. Per vincere la sfida della gestione corretta del paziente e della prevenzione delle patologie cardiorenali -sottolinea - è necessaria quindi una alleanza strategica tra medico di medicina generale, specialista, paziente ma anche istituzioni".

Le persone con diabete oggi come ieri, per la natura cronica della malattia, necessitano di un'assistenza continua ed in questo periodo questa necessità è aumentata. "Noi ne siamo i testimoni perché spesso siamo il loro primo punto di contatto - chiarisce Rita Lidia Stara, del Comitato diabete Italia e referente del progetto “La Settimana del Diabete” – Recentemente ho visto molti pazienti far scendere il livello di attenzione per il controllo della malattia e delle sue complicanze; con questa iniziativa vogliamo rimettere il diabete al centro dell’attenzione di tutti. Sono particolarmente entusiasta - aggiunge - per il valore sociale del progetto che vede coinvolti i protagonisti del diabete in Italia con l’obiettivo di mettere a disposizione di persone particolarmente fragili risorse importanti, gratuitamente e sinergicamente; è una iniziativa sociale rivolta a chi si trova in difficoltà. Diabete Italia - conclude Stara - si sta impegnando molto per ottenere più attenzione sulla malattia diabetica, per cui le progettualità non saranno concentrate solo in una settimana ma in tutto l’anno”.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.