Cerca

Sanita' Lombardia: Mantovani, penso a 10 o 12 super ospedali

Assessore spiega spirito riforma in cantiere, dare risposte a nuovi bisogni

SANITÀ

Milano, 8 mag. (Adnkronos Salute) - "Immagino 10 o 12 grandi strutture ospedaliere che mettano le ali: che facciano ricerca a qualsiasi livello, innovazione, che siano più che mai all'avanguardia, che producano il massimo". E' la visione di Mario Mantovani, vice presidente e assessore alla Salute della Regione Lombardia che oggi a Como è intervenuto a un convegno sulla 'Nuova sanità in Lombardia e i servizi sanitari del Cantone Ticino'.


"La persona che è in difficoltà deve avere un punto di accoglienza in cui venga presa in carico. Mi preoccupa l'evoluzione dei nuovi bisogni ai quali necessita dare risposte", spiega sintetizzando così il fine del progetto di riforma sanitaria alla quale lavora da mesi. Accennando ad alcuni aspetti organizzativi, l'assessore sottolinea l'importanza della creazione di "centri sanitari territoriali" che, precisa, rappresenterebbero la prima frontiera per l'assistenza medica e potrebbero dare significative risposte alla crescente domanda presa in cura dei malati cronici.

"Ma non si pensi - chiarisce Mantovani - che con l'attenzione rivolta verso gli ospedali territoriali si distolga l'attenzione verso i grandi ospedali. Io immagino 10 o 12 grandi strutture ospedaliere che mettano le ali", ribadisce. La riforma sanitaria in atto, sottolinea, parte proprio dal presupposto fondamentale di una "cultura" dell'assistenza territoriale che sviluppi un proprio sistema di regole organizzative e di pratiche basate sui principi di prossimità, presa in carico e di continuità assistenziale. Un modello, si legge nella nota diffusa dalla Regione, vicino alle persone e alle famiglie, che orienti e faciliti l'accesso ai servizi territoriali sanitari e socio sanitari, che valuti con attenzione i bisogni della popolazione e che sia in grado di accompagnare il paziente nel suo cammino non solo verso l'ospedale, ma anche da esso al territorio, dopo le dimissioni.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.