Cerca

Zika come Ebola, gli Usa alzano l'allerta al livello 1

SANITÀ
Zika come Ebola, gli Usa alzano l'allerta al livello 1

Il rischio che il virus Zika possa diffondersi negli Usa ha spinto il Centro operazioni d'emergenza dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani ad alzare l'allerta al livello 1, il più alto. In altre tre occasioni era stato attivato lo stesso livello: per l'Ebola lo scorso anno, per l'influenza H1N1 nel 2009 e dopo l'uragano Katrina.


Gli esperti - riporta la rete televisiva 'Abc' - hanno motivato la decisione con "la necessità di accelerare il lavoro degli specialisti e concentrarsi in modo efficiente nella prevenzione della trasmissione del virus Zika".

I Cdc lavoreranno su più fronti per fermare il virus, compreso lo sviluppo di diversi test per diagnosticare la malattia e l'avvio di studi per capire se la presenza di Zika nell'organismo delle donne incinte è collegata allo sviluppo della microcefalia dei bambini, nonché per far luce sul possibile link con la sindrome di Guillain-Barré.

Inoltre, gli specialisti continueranno la sorveglianza del virus negli Stati Uniti per identificare un eventuale focolaio nella fase iniziale e infine forniranno aiuto a Paesi già colpiti come Porto Rico, Brasile e Colombia.

Intanto, l'Agenzia europea dei medicinali (Ema) ha istituito una task force di esperti con conoscenze specialistiche su vaccini, malattie infettive e altre competenze rilevanti per contribuire alla risposta globale alla minaccia Zika. Il gruppo sarà disponibile per fornire supporto su ogni aspetto scientifico e regolatorio per la ricerca e lo sviluppo di farmaci o vaccini contro il virus. Un'interazione precoce e regolare con l'Agenzia, sostiene infatti l'Ema, può accelerare in maniera significativa lo sviluppo di farmaci.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.