Nuova condanna, Asl di Roma pagherà cure a bimbo con autismo

Seconda vittoria di Pietrocarlo e Pillinini, 'il giudice non ha fissato limiti di tempo per la terapia'

SANITÀ
Nuova condanna, Asl di Roma pagherà cure a bimbo con autismo

Bambini della scuola materna

Il vento sta cambiando a Roma per i genitori alle prese con il rebus delle terapie per l'autismo. Se l'Istituto superiore di sanità raccomanda l'utilizzo più precoce possibile del metodo Aba nel trattamento dei piccoli con disturbi dello spettro autistico, le Asl non hanno strutture pubbliche specializzate e finora ai genitori non restava che metter mano al portafogli. Ma una nuova speranza arriva dall'ordinanza del Tribunale civile di Roma pubblicata il 22 gennaio, che ha riconosciuto il diritto di un bambino di 3 anni e mezzo con autismo a ricevere le cure Aba pagate dal Servizio sanitario nazionale. Si tratta di una seconda vittoria per Daria Pietrocarlo e Alessandra Pillinini, legali che già nell'ottobre scorso avevano assistito con successo i genitori di un bambino di 5 anni affetto da disturbo generalizzato dello spettro autistico.


"In questo secondo caso parliamo di un bimbo nato nel 2015, di 3 anni e mezzo - raccontano i legali all'AdnKronos Salute - Normalmente in Italia per avere una diagnosi le famiglie attendono a lungo, in questo caso invece la terapia sarà assicurata fin dalla tenera età: il giudice Mariaelena Falato ha rimandato a una struttura pubblica per determinare la durata della terapia Aba, prevedendo solo due requisiti: la diagnosi di autismo da parte della Asl e la prescrizione della terapia Aba da parte dell'azienda sanitaria o di una struttura pubblica". L'acronimo sta per Applied Behaviour Analysis, cioè analisi del comportamento applicata: si tratta di una metodica di tipo cognitivo comportamentale.

La Asl Roma 2 "non ha strutture autorizzate ad erogare questo servizio, né personale certificato. Così i genitori sono stati costretti a rivolgersi a centri privati, spendendo finora circa 8.881 euro. Ora il Tribunale ha stabilito il diritto del bimbo a ricevere le terapie Aba da strutture pubbliche, accreditate o private in assenza delle precedenti, con una frequenza - continuano i legali - che sarà stabilita dagli specialisti della struttura pubblica che ha in carico il bambino, cioè il Policlinico Umberto I". Non è stata accolta, invece, la richiesta di rimborso delle spese già sostenute.

"C'è comunque grande soddisfazione per un pronunciamento che ridà speranza a tante famiglie - concludono Pietrocarlo e Pillinini - E una buona notizia arriva anche dal regolamento adottato dalla Regione Lazio che riconosce alle famiglie un contributo per le terapie Aba. Certo, la somma è limitata a 5 mila euro l'anno e i requisiti sono fin troppo stringenti. Ma si tratta comunque di un altro passo avanti per queste famiglie".

IL REGOLAMENTO - Dalla Regione Lazio un sostegno per i genitori con figli piccoli affetti da autismo. Il Regolamento del 15 gennaio 2019 stabilisce infatti nuovi 'interventi a sostegno delle famiglie dei minori in età evolutiva prescolare nello spettro autistico'. "Un passo avanti nella giusta direzione, perché si riconosce finalmente alle famiglie un contribuito per la terapia Aba (Applied Behaviour Analysis, cioè analisi del comportamento applicata), che finora erano costrette a pagare di tasca propria", commentano Daria Pietrocarlo e Alessandra Pillinini.

"Certo, i requisiti sono un po' troppo stringenti e l'importo massimo per ogni bambino è di 5000 euro l'anno, a fronte di spese reali che sono molto più ingenti. Ma bisogna pensare che prima non c'era nulla", aggiungono i legali. Cosa stabilisce il regolamento? "Il sostegno economico - si legge nell'art. 8 - assume la forma di contributo alla spesa sostenuta dalla famiglia, e viene concesso" comunque "entro il tetto di spesa ammissibile massimo per utente pari a 5.000 €/annui. Il tetto massimo è erogato con priorità ai nuclei familiari con un numero di figli nello spettro autistico superiori a uno e con un Isee inferiore o pari ad € 8.000".

Una contributo limitato, a fronte delle spese necessarie ad assicurare la terapia al bambino, "che possono essere molto ingenti, come sanno le bene famiglie", sottolineano Pietrocarlo e Pillinini. Il regolamento istituisce anche l'Albo regionale dei professionisti con competenze ed esperienza nell'ambito dei trattamenti per i disturbi dello spettro autistico. "Complessivamente si tratta di una misura importante - concludono i legali - anche perché ribadisce l'evidenzia scientifica della terapia Aba".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.